Calendario economico forex

AUD, Calendario Economico del 5 dicembre 2017: focus su tassi australiani

La giornata del 5 dicembre 2017 si preannuncia molto importante per l’AUD (dollaro australiano): la decisione sui tassi di interesse da parte della banca centrale australiana (RBA). Ovviamente, sono in programma altri appuntamenti importanti. Ecco una panoramica degli appuntamenti in programma e le stime degli analisti.

Ore 01.30. Vendite al dettaglio in Australia. Australian Retail Sales. Le vendite rappresentano uno dei parametri più importanti in quanto, oltre a suggerire la capacità di crescita economica di un paese, offrono indizi sui futuri parametri dell’inflazione. Vendite superiori alle aspettative impattano positivamente sulla valuta (in questo caso l’AUD, dollaro australiano). Vendite inferiori alle aspettative impattano negativamente. A ottobre le vendite in Australia dovrebbero essere aumentate dello 0,3% (a settembre erano diminuite di mezzo punto percentuale).

Ore 04.30. Decisione sui tassi di interessa della Reserve Bank of Australia. RBA Rate Statement. La manipolazione dei tassi di interesse da parte delle banche centrali influisce in maniera netta sul valore della valuta, in questo l’AUD. Nonostante le pressioni che si levano sulla RBA, come già dichiarato da membri del board, i tassi rimarranno bassi ancora a lungo. Sicché dovremmo apprezzare una nuova conferma del costo del denaro all’1,5%.

Ore 10.30. Indice dei direttori agli acquisti del settore servizi in Gran Bretagna. GB Services PMI. L’indice suggerisce il grado di vitalità del settore terziario in Gran Bretagna. Lo spartiacque, come per tutti i PMI, è il valore 50. Al di sotto il settore è in recessione, al di sopra è in crescita. Il PMI relativo ai servizi in Gran Bretagna dovrebbe essere riconfermato al 56,2, che è senz’altro un risultato discreto.

Ore 14.30 Bilancia commerciale del Canada. Canada Trade Balance. La bilancia commerciale è un parametro di fondamentale importanza per il Forex in quanto incide direttamente sull’equilibro tra domanda e offerta di valuta. Se l’avanzo cresce (o il disavanzo diminuisce) la valuta ne esce rinforzata. Se l’avanzo diminuisce (o il disavanza cresce) la valuta ne esce indebolita. Ad ogni modo, il Canada dovrebbe aver ridotto a ottobre il suo disavanzo a 2,70 miliardi di dollari (a settembre era di 3,18 miliardi).

Ore 16.00. Indice ISM non manifatturiero negli Stati Uniti. US ISM Non Manifacturing PMI. Il settore non manifatturiero dovrebbe aver subito una contrazione negli Stati Uniti a novembre. Secondo gli analisti, il PMI dovrebbe risultare in calo di un punto (da 60,1 a 59,1).