fbpx
Calendario economico forex

USD e JPY, Calendario Economico del 2 luglio 2018: focus su indici PMI

La giornata del 2 luglio 2018 sarà all’insegna degli indici PMI. Il calendario economico ne segnala in quantità, in entrambe le sponde dell’Atlantico e del Pacifico. Le valute interessate saranno il JPY (yen), l’USD (dollaro americano), il CNY (yuan cinese), il GBP (sterlina inglese) e l’euro. Ecco una panoramica su questi e altri eventi, e le stime degli analisti.

Ore 01.50. Indice Tankan delle grandi aziende manifatturiere e non in Giappone. Japan Tankan Index. Il Tankan è un indice che funziona esattamente come il PMI. Ha però una particolarità: il valore che funge da spartiacque non è il 50 bensì lo zero. Dovrebbero essere pubblicati i Tankan relativi al manifatturiero e al non manifatturiero. Il primo è segnalato al 22 (dato precedente 24); il secondo è dato a 23 (dato precedente 23).

Ore 02.45. Indice Caixin manifatturiero in Cina. China Caixin Manufacturing PMI. Anche in questo caso vi è una certa analogia con il PMI classico. Anche perché pure in questo caso il valore da spartiacque è il 50. Gli analisti prevedono un 51,0, dato praticamente identico a quello del mese scorso.

Ore 09.55. Indice dei direttori degli acquisti del settore manifatturiero in Germania. German Manufacturing PMI. L’indice, proprio come tutti i PMI manifatturieri, segnala il grado di attività dei direttori degli acquisti. L’influenza sull’euro è garantita, per quanto sia un dato “locale” (l’economia della Germania è comunque la più importante d’Europa). Secondo gli analisti, l’indice dovrebbe attestarsi al 55.9, dato identico alla rilevazione precedente.

Ore 10.30. Indice dei direttori degli acquisti del settore manifatturiero nel Regno Unito. UK Manufacturing PMI. Il Regno Unito vive un periodo non felicissimo dal punto di vista economico, un po’ per la Brexit, ancora avvolta nell’incertezza, un po’ per l’inflazione un po’ alta. Ciò si dovrebbe riflettere anche sull’indice, che è dato in pesante calo al 53,5.

Ore 11.00. Tasso di disoccupazione dell’Unione Europea. EU Unemployment Rate. L’Italia sconta un tasso di disoccupazione estremamente alto, anche rispetto alla media europea. Gli analisti comunque prevedono un calo di due decimali. Il tasso dovrebbe quindi passare dall’11,2 al 10,9%.

Ore 16.00. Indice ISM dei direttori degli acquisti del settore manifatturiero negli Stati Uniti. ISM Manufacturing PMI. Il dato non è altro che un PMI, elaborato però dall’Institute for Supply Management. Gli analisti prevedono un dicreto 58,3, comunque in calo rispetto alla registrazione precedente (58,7).