Calendario economico forex

CNY, Calendario Economico dell’11 aprile 2019: focus su inflazione cinese

Giornata abbastanza movimentata, quella dell’11 aprile 2019. Il calendario economico, infatti, segnala alcuni appuntamenti importanti sul fronte prezzi. Il riferimento è in particolare alla pubblicazione del dato sull’inflazione, valevole per il CNY (yuan). Di seguito, come di consueto, l’elenco degli eventi più importanti e i commenti degli esperti.

Ore 01.00. Bilancio RICS dei prezzi delle abitazioni nel Regno Unito. UK RICS House Price Balance. Questo market mover segnala la variazione, espressa in termini percentuali, del prezzo medio delle case. Il dato è importante in quanto suggerisce lo stato di salute del mercato immobiliare, il quale incide in modo significativo sull’economia reale. Valori superiori alle attese, e comunque positivi, generano un impatto positivo sulla valuta di riferimento. Accade il contrario se i valori sono inferiori alle attese. A marzo, e su base annua, i prezzi dovrebbero essere scesi del 30% (dato precedente: 28%).

Ore 03.30. Indice dei prezzi al consumo in Cina. China Consumer Price Index.  L’inflazione è il market mover più importante dopo i tassi di interesse, anche perché generano una marcata influenza nei confronti di quest’ultimi. Se i prezzi si allontanano dal target del +2% annuo, l’impatto sulla valuta è negativa. L’impatto è invece positivo se i prezzi si avvicinano al target. L’inflazione cinese, calcolata sul periodo marzo 2018-marzo 2019, dovrebbe attestarsi intorno al +2,4% (dato precedente: +1,5%).

Ore 08.00. Indice dei prezzi al consumo in Germania. German Consumer Price Index. L’inflazione tedesca, come quella europea, è più bassa rispetto al target di riferimento. Ciononostante, almeno in relazione al mese di marzo, dovrebbe registrare un valore più che discreto (+0,4%, proprio come a febbraio).

Ore 14.30. Indice dei prezzi alla produzione negli Stati Uniti. US Production Price Index. Il market mover non è altro che  l’inflazione calcolata a un livello precedente della filiera, ovvero al passaggio della merce dal produttore all’esercente. In generale, segue le stesse dinamiche dell’inflazione canonica. Il PPI americano, calcolato sul mese di marzo, dovrebbe crescere allo 0,3% (dato precedente: o,1%).

Ore 13.30. Richieste iniziali di sussidi di disoccupazione negli Stati Uniti. US Unemployment Claims. Il dato segnala il numero delle richieste di sussidi rilevate nell’ultima settimana. Un aumento  impatta negativamente sulla valuta, un decremento impatta positivamente. Le richieste dovrebbero attestarsi sulle 211mila unità (dato precedente: 202mila).