CNY, Calendario Economico dell’8 novembre 2019: focus su bilancia commerciale cinese

La giornata dell’8 novembre 2019 si preannuncia poco movimentata. Il calendario economico segnala pochi eventi in grado di impattare sul mercato. Tra questi, la pubblicazione del dato sulla bilancia commerciale cinese, che eserciterà una grande influenza sul CNY (yuan). Ad ogni modo, ecco una lista con gli appuntamenti più importanti e le stime degli analisti.

Ore 04.00. Saldo della bilancia commerciale della Cina. China Trade Balance. Il saldo della bilancia commerciale è un market mover più importante di quanto si possa immaginare, anche perché impatta sulle masse monetarie e quindi anche sui rapporti tra le valute. Quando il saldo migliora (surplus in crescita o deficit in diminuzione) la valuta subisce una spinta rialzista. Quando il saldo peggiora (surplus in decrescita e deficit in crescita) la spinta è ribassista. Secondo gli analisti, il saldo di settembre si attesterà su 41,20 miliardi (dato precedente: 39,65 miliardi).

Ore 07.45. Tasso di disoccupazione destagionalizzato della Svizzera. Swiss Seasonally Adjusted Unemployment Rate. Questo market mover è un semplice tasso di disoccupazione “mondato” del fattore stagionale. Ovviamente quando il tasso cresce la valuta subisce una spinta ribassista; quando il tasso diminuisce la spinta è rialzista. Il tasso svizzero dovrebbe confermarsi su livelli estremamente bassi, al 2,3%.

Ore 08.00. Saldo della bilancia commerciale della Germania. German Trade Balance. La Germania è al centro di aspre polemiche per un surplus commerciale troppo elevato, che violerebbe i regolamenti europei. La “locomotiva d’Europa” nonostante un periodo non roseo dal punto di vista economico, dovrebbe confermare questa tendenza. Gli analisti prevedono per settembre un saldo pari a 18,1 miliardi (come nella rilevazione precedente).

Ore 14.30. Variazione del livello dell’occupazione in Canada. Canada Unemployment Rate. Il dato suggerisce la variazione del numero di occupati nel periodo di riferimento. E’ un market mover fondamentale del mondo del lavoro. Quando gli occupati salgono oltre le previsioni, la valuta trae una spinta rialzista; quando la variazione delude la spinta è ribassista. A ottobre gli occupati dovrebbero essere aumentati di 15.900 unità circa (dato precedente 53.700 unità circa).

Ore 16.00. Indice di fiducia del Michigan. UoM Consumer Sentiment. L’indice è frutto di un sondaggio condotto sui consumatori del Michigan circa le prospettive economiche. E’ un dato locale, ma visto l’importanza del distretto ha un valore predittivo nazionale. Secondo gli analisti, a novembre l’indice dovrebbe portarsi su 95,8 (dato precedente 95,5).

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.