Canale Telegram Blog per Studenti e Neofiti Blog per Trader (a breve) Inizia la prova gratuita di 30 giorni >> ForexTradingUniversity.org
Canale Telegram Blog per Studenti e Neofiti Blog per Trader (a breve) Inizia la prova gratuita di 30 giorni >> ForexTradingUniversity.org

Come fare trading con gli schemi di prezzo

Come fare trading con gli schemi di prezzoVediamo come fare trading con gli schemi di prezzo. Si tratta di ricorrenze presenti sui mercati in grado di produrre tendenze. Quindi variazioni di mercato sufficientemente ampie per generare un profitto. Ogni schema è riconoscibile ed è in grado di produrre un ventaglio di possibilità. Emergono reazioni sempre infruttuose e reazioni sempre favorevoli, ed in grado di produrre variazioni di mercato sufficiente ampie per generare un profitto netto in bilancio.

Partendo da questa premessa, si studiano gli schemi per documentarne il comportamento. Quindi prima di tutto la forma dello schema, per rendere riconoscibile la ricorrenza (vedi per approfondire le ricorrenze a basso rischio) e poi le reazioni che lo schema ha prodotto del corso degli anni. Solitamente prendiamo 5 anni di storico, partendo dalla data attuale.

La statistica insegna che per conoscere il futuro è necessario studiare il passato. Questo sui mercati finanziari è certamente vero, poiché la maggior parte delle ricorrenze sono note e sono note anche le reazioni che i mercati hanno sempre prodotto. L’abilità del trader pertanto sta nel studiare in modo accurato questi dati e poi gestire i processi di un piano, per tradurre il lavoro in profitto.

Questa premessa deve servire per spiegare che le capacità previsionali costituiscono solo un parte del lavoro e che non è necessario predire il futuro, basta studiare il passato, poiché spesso il futuro è una semplice replica.

Come fare trading con gli schemi di prezzo: I metodi previsionali

I metodi previsionali servono per documentare il comportamento degli schemi di prezzo. Più informazioni siamo in grado di accumulare, più si diventa competitivi sul mercato. Quindi si rileva lo schema e le sue reazioni, partendo da uno storico di 5 anni.

Joe Ross nel suo libro Day Trading consiglia di partire dallo studio delle ultime tendenze, per far emergere gli schemi di prezzo alla base. In questo modo è possibile rilevare gli schemi che sicuramente in passato hanno prodotto tendenze interessanti. Svolgendo questa ricerca nel mercato del forex emergono 2 schemi principali e poi una serie di varianti. Le congestioni e i Ross Hook.

Come fare trading con le congestioni

Le congestioni sono degli schemi di prezzo che fanno parte della struttura dei mercati finanziari. I mercati passano sempre da una fase di congestione ad una fase di trend. Tuttavia in base alla tipologia di congestione è possibile sfruttare prospettive diverse ed è necessario operare in maniera diversa.

Per esempio le congestioni settimanali di oltre 5 barre sono in grado di produrre variazioni di mercato di medio, lungo e lunghissimo termine, ma prima di sviluppare un trend è necessario superare diverse false rotture. Quindi la prospettiva è più ampia, ma lo schema per maturare richiede più tempo e più lavoro.

Poi ci sono le congestioni giornaliere di oltre 10 barre, quindi 2 barre settimanali laterali, che sono in grado di produrre tendenze di medio e lungo termine e sono in grado di reagire più velocemente e con meno difficoltà. Questo perché uno schema di prezzo snello (poche barre) in genere risulta più facile da gestione e quindi meno oneroso.

Non è possibile affermare “questo schema è migliore”, poiché semplicemente si tratta di possibilità diverse. Ogni possibilità, se studiata, consente un lavoro mirato. Ogni possibilità pone problematiche e vantaggi, e le informazioni servono anche per mettere a punto strumenti previsionali o gestionali più accurati.

Come fare trading con i Ross Hook

Anche i Ross Hook sono schemi di prezzo che fanno parte della struttura dei mercati. Cioè si sono sempre verificati e sono stati oggetto di studio da parte di diversi trader/studiosi nel corso della storia. Utilizziamo la definizione di Joe Ross, poiché alla fine è quella più accurata.

Questi schemi sono formati con poche barre. Joe Ross insegna che entro la quarta barra il mercato deve tornare in trend, altrimenti lo schema di invalida. E’ uno schema molto frequente sui mercati e per distinguere uno schema affidabile è necessario contestualizzare.

Come contestualizzare gli schemi di prezzo

Il time frame mensile serve per determinare la direzione della tendenza primaria. Mentre i time frame settimanale e giornaliero servono per contestualizzare lo schema di prezzo e per porre un setup. In pratica il contesto strategico sul time frame settimanale indica una prospettiva, mentre lo schema di prezzo giornaliero funge da punto di riferimento per porre un setup. Non è possibile utilizzare solo lo schema di prezzo giornaliero, per produrre una gestione affidabile. Consulta il webinar dove ho spiegato i processi di un piano di trading.

Per esempio i Ross Hook migliori li troviamo fra la prima barra di trend settimanale e la seconda, in modo da poter sfruttare una prospettiva sufficientemente ampia. Lavorando così è possibile utilizzare pochi schemi nel corso dell’anno, per giungere ad un profitto netto. In pratica si lavora di più in fase di pianificazione e meno in fase operativa, anche per garantire un rischio ridotto alla gestione.

Video con la spiegazione alla lavagna

Autore

Mi occupo di trading di lungo termine (trend following) e attraverso questo blog condivido materiale utile per gli studenti della community Forex Trading University / Over Traders. Spiego il business del trading, concepito per sfruttare ampie variazioni di mercato e poi condivido tecniche, metodi e strategie di trading per consentire a tutti gli avventori di avvicinarsi alla nostra community. Attualmente la community conta circa 800 membri fra studenti e trader.
1 Response

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.