Canale Telegram Blog per Studenti e Neofiti Blog per Trader (a breve) Inizia la prova gratuita di 7 giorni >> ForexTradingUniversity.org
Canale Telegram Blog per Studenti e Neofiti Blog per Trader (a breve) Inizia la prova gratuita di 7 giorni >> ForexTradingUniversity.org

Corso di trading per principianti: Come si realizza un profitto

Corso di trading per principiantiQuesto corso di trading per principianti sarà formato in totale da 4 articoli. Per ogni argomento programmerò delle sessioni in live streaming per approfondire ogni tema e per rispondere ad eventuali domande. Il primo argomento riguarda i profitti che è possibile generare con il business del trading ed entro quali limiti. Per fare un buon lavoro insieme dentro la community è necessario premettere cosa è possibile fare.

Purtroppo chi si avvicina al settore, senza una base di preparazione, rischia di cadere vittima dei broker commerciali e disonesti, che “vendono” delle prospettive poco realistiche. Più volte sono stato chiamato anche io e ho avuto modo di constatare che promettono rendite e profitti stellari, senza alcun fondamento. Proprio come si vede nel film The Wolf of Wall Street.

Per conoscere il business del trading è necessario fare uno sforzo, per mettere da parte tutto quello che viene promosso dalla pubblicità, ed informarsi su cosa è realmente possibile fare, ed in che modo. Il libro di Andrew Abraham mi ha dato la possibilità di accedere alle performance dei più grandi traders, tuttora in circolazione. In modo da poter stabilire un punto di partenza. Gli smanettoni in cerca del 500% ogni anno, resteranno molto delusi dall’evidenza che emerge da questo libro. Mentre chi ha voglia di costruire il business seriamente e gradualmente, troverà un valido punto di partenza per misurare la qualità dei propri asset finanziari.

Corso di trading per principianti: I profitti di due grandi traders

Corso di trading per principianti performaceIn particolare questo libro tratta i Trend Follower, quindi i trader che sfruttano ampie variazioni di mercato. E’ l’approccio più diffuso fra i trader che hanno fatto fortuna, mentre l’approccio più commerciale e promosso dai broker è basato su tante operazioni e brevi variazioni di mercato. In pratica il contrario di quello che serve per rischiare poco e guadagnare.

Salem Abraham (Abraham trading company) è un trader di lungo corso, le sue performance nel corso di oltre 20 anni, sono variate dal 4% fino al 30% circa, con alcuni anni (3) particolarmente remunerativi 80%/140%. Consulta a pagina 50 del libro (riporto a lato pagina 51, con il dettaglio delle performance) tutto lo statement. In tutto questo periodo solo 4 anni sono risultati in perdita, con una flessione massima del 10% circa. Sono da considerare ottime performance.

William Eckhardt (Eckhardt trading company) faceva anche lui parte dei Turtle Trader di Richard Dennis, insieme a Salem Abraham. Possiamo dire quindi che fanno parte entrambi della stessa scuola. Richard Dennis era un celebre trend follower, che operava con un rischio elevato. Infatti è cresciuto velocemente negli anni, però non ci dimentichiamo che si trattava di un genio del settore. Quello che faceva lui non è alla nostra portata, come anche non è alla portata di questi due celebri allievi. William Eckhardt ha registrato in circa 20 anni performance che sono variata dal 3% fino ad un massimo del 50% su base annua. Solo in 5 anni rileviamo delle flessioni, variabili dal 2,5% fino ad un massimo del 10%. Vedi a pagina 56 del libro.

Corso di trading per principianti: Lavora per garantire una gestione stabile e poco rischiosa

Questi traders hanno un loro personale approccio. Lo hanno costruito partendo dagli insegnamenti di Richard Dennis. Noi piccoli traders privati possiamo fare lo stesso, possiamo raccogliere tante ed ottime informazioni, per costruire il nostro trading, senza tentare di emulare il trading di qualcun altro. L’obbiettivo per me è costruire asset finanziari in grado di produrre risultati stabili nel tempo. Do più importanza, in una prima fase, alla continuità. Una volta acquisita questa continuità, con una gestione poco rischiosa, è possibile costruire asset più specifici (li chiamo progetti di trading).

Nella community mostro dal corso ADV1 come si mettono in opera gli asset. Svolgiamo sessioni di trading simulato ed emergono dei dati. In questo articolo pubblicato nel blog ho riportato i dati della gestione durata 5 anni, con l’asset Orione. Sono emersi dei dati che indicano i limiti dell’asset, che il trader deve impegnarsi a rispettare. Spiego sempre che per garantire una continuità con in rischio limitato è necessario lavorare entro i limiti dell’asset. Prima ci dedichiamo a conoscere questi limiti e poi lavoriamo per rispettarli. Non lavoriamo mai per forzare questi limiti, altrimenti si generano spese.

L’asset Orione ha mostrato i seguenti limiti, i profitti sono variati dal 15% fino al 29%, con una flessione variabile da -0,85 a -4,26%. La flessione indica la quantità di capitale necessaria per generare un profitto. Prima di giungere ad un profitto è necessario gestire le opportunità infruttuose e quindi emergono delle spese. Spiego sempre che le spese delineano la strada che porta ai profitti, e che, se sono gestite, non sono qualcosa di negativo. Poi l’asset ha prodotto risultati 3 anni su 5, con 2/8 operazioni su base annua.

La qualità di un asset dipende dal profitto, dalla flessione e dal numero delle operazioni impiegate per generare un risultato. Un asset che funziona con poche operazioni è poco rischioso e richiede poco lavoro operativo nel corso dell’anno. Se un asset produce un profitto del 29% con una flessione del -4,26 con 4 operazioni in un anno, è un buon asset. Significa che in un anno siamo stati impegnati solo pochi giorni, per generare tale risultato. Se invece l’asset produce un 29% di profitto, con una flessione del -40% e 30 operazioni su base annua, è un pessimo asset. E’ un asset troppo rischioso e richiede troppo lavoro per generare risultati.

Allora a questo punto la domanda nasce spontanea. Come posso creare asset con queste caratteristiche? E’ possibile attraverso un lavoro di pianificazione molto accurato. I trader che lavorano di più in fase di pianificazione, poi sono in grado di sfruttare un grande vantaggio in fase operativa. Consulta l’articolo dove ho spiegato come misurare il livello qualitativo della gestione.

Autore

Mi occupo di trading di lungo termine (trend following) e attraverso questo blog condivido materiale utile per gli studenti della community Forex Trading University / Over Traders. Spiego il business del trading, concepito per sfruttare ampie variazioni di mercato e poi condivido tecniche, metodi e strategie di trading per consentire a tutti gli avventori di avvicinarsi alla nostra community. Attualmente la community conta circa 800 membri fra studenti e trader.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.