EURO, Calendario Economico del 18 aprile 2019: focus su PMI tedesco

Giornata abbastanza movimentata, quella del 18 aprile. Il calendario economico, infatti, segnali alcuni dati importanti sulla zona euro e sul fronte vendite. Il riferimento, in particolare, è alla pubblicazione del PMI manifatturiero tedesco (più comunemente noto come Indice dei Direttori degli acquisti). Di seguito, come di consueto, una lista degli appuntamenti più importanti e le analisi degli esperti.

Ore 03.30. Tasso di disoccupazione in Australia. Australian Unemployment Rate. Il tasso di disoccupazione è uno dei dati più importanti, tra quelli del mercato del lavoro. Se il tasso di disoccupazione sale, l’impatto sulla valuta è ribassista. Se il tasso scende, l’impatto è rialzista. Il tasso di disoccupazione australiano dovrebbe passare dal 4,9% al 5,0%.

Ore 09.30. Indice dei direttori degli acquisti del settore manifatturiero in Germania. German Manufacturing PMI. L’indice, comunemente noto come PMI (Purchase Manager Index), segnala il grado di attività dei responsabili degli ordini, ed è un valido termometro del settore manifatturiero. La Germania sta attraverso un periodo pessimo dal punto di vista manifatturiero. Gli analisti, non a caso, ipotizzano un PMI ancora stabilmente sotto il livello di guardia, quello che separa recessione da espansione (il 50). Nello specifico, si stima un drammatico 45,0 (dato precedente 44,1).

Ore 10.30. Vendite al dettaglio nel Regno Unito. UK Retail Sales. Il dato segnala la variazione del valore dei beni venduti al dettaglio nel periodo di riferimento. Se la variazione è superiore alle attese, l’impatto sulla valuta è rialzista. Se la variazione è inferiore, l’impatto è ribassista. A marzo le vendite dovrebbero essere diminuite dello 0,3% (dato precedente: 0,4%).

Ore 14.30. Richieste iniziali di sussidi di disoccupazione negli Stati Uniti. US Unemployment Claims. Il dato segnala il numero delle richieste di disoccupazione inoltrate nel periodo di riferimento. Maggiori sono le vendite, peggiore è l’impatto sulla valuta. Secondo gli analisti, le richieste dovrebbero subire una accelerazione moderata (da 196mila a 205mila).

Ore 14.30. Indice di produzione delle Fed di Philadelphia. Philly Fed Manufacturing Index. L’indice dovrebbe avere una valenza esclusivamente locale ma in virtù dell’importanza ricoperta dal distretto della Philadelphia può essere utilizzato per analizzare o prevedere le performance a livello federale. Ad ogni modo, l’indice dovrebbe segnare un brusco rallentamento, da 13,7 a 10,4 (comunque eccellente, considerando che lo spartiacque tra contrazione ed espansione è lo zero).

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.