GBP, Calendario Economico del 10 dicembre 2019: focus su PIL UK

La giornata del 10 dicembre 2019 si preannuncia abbastanza movimentata. Il calendario economico segnala non pochi eventi in grado di impattare sul mercato. Tra questi, la pubblicazione del dato sul PIL britannico, che certamente inciderà sul GBP (sterlina inglese). Ad ogni modo, ecco una lista con gli appuntamenti più importanti e le stime degli analisti.

Ore 02.30. Indice dei prezzi al consumo della Cina. China CPI. L’inflazione è il market mover più importante dopo le decisioni di politica monetaria, anche perché le influenza. Quando l’inflazione si avvicina al 2% annuo, la valuta trae una spinta rialzista. Quando si allontana, la spinta è ribassista. Dopo un periodi di inflazione elevata, i prezzi della Cina dovrebbero andare incontro a una normalizzazione. Gli analisti stimano un +0,1 per novembre (dato precedente: +0,9%).

Ore 10.30. Prodotto Interno Lordo del Regno Unito. UK GDP. Il Prodotto Interno Lordo è il market mover più importante tra quelli dell’economia reale, e consente con un colpo d’occhio di intuire lo stato di salute economica di un paese. Quando il PIL varia oltre le aspettative, l’impatto sulla valuta (in questo caso il CNY) è positivo. Quando la variazione delude, o addirittura segnala una decrescita, l’impatto sulla valuta è negativo. In linea con i timori circa una stagnazione dell’economia britannica, gli analisti stimano un PIL al +0,1% relativamente a ottobre (dato precedente: -0,1%).

Ore 10.30. Produzione industriale del Regno Unito. UK Industrial Production. La produzione industriale è un market mover importante in quanto ritrae lo stato di fatto dell’economia reale. Quando la produzione aumenta più del previsto, l’impatto sulla valuta è favorevole. Quando la produzione delude le attese, o addirittura si comprime, allora l’impatto è negativo. Dopo il crollo di settembre, che aveva fatto segnare un pessimo -0,3%, la produzione industriale britannica dovrebbe rialzare leggermente la china. Gli analisti, infatti, stimano un +0,2% per ottobre.

Ore 10.30. Saldo della bilancia commerciale del Regno Unito. UK Trade Balance. Il saldo della bilancia commerciale è un parametro spesso ignorato ma di una importanza significativa. Di base, un miglioramento della bilancia commerciale (aumento del surplus o diminuzione del deficit) impatta positivamente sulla valuta; un peggioramento impatta negativamente. Il Regno Unito è un paese abituato a forti deficit commerciali. Tuttavia, gli analisti prevedono per ottobre un saldo in leggero miglioramento, benché ancora pesantemente negativo. Nello specifico, al -11,65 miliardi (dato precedente: -12,54 miliardi).

Ore 11.00. Rilevazione ZEW del sentimento sull’economia tedesca. German ZEW Economic Sentiment. L’indice è pressoché identico, per composizione, significato e impatto, al NAB. Persino il paniere è simile: 350 aziende (in questo caso tedesche). L’effetto sulla valuta è però minore, visto che quella tedesca è solo una delle tante economie, ancorché la più forte, dell’area euro. Dopo un novembre dove è emersa tutta la sfiducia per le prospettive economiche (-2,1), l’indice dovrebbe ritrovare il segno più. Gli analisti prevedono per un dicembre un indice pari all’1,1.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.