GBP, Calendario Economico del 12 novembre 2019: focus su salari britannici

La giornata del 12 novembre 2019 si preannuncia poco movimentata. Il calendario economico suggerisce pochi eventi in grado di impattare sul mercato. Tra questi, la pubblicazione del dato sui salari britannici, che impatterà sul GBP (sterlina). Ad ogni modo, ecco la lista dei maggiori appuntamenti in programma e le stime degli analisti.

Ore 10.30. Indice dei salari medi inclusi bonus del Regno Unito. UK Average Earning Index. Il dato segnala la variazione espressa in percentuale dei salari medi, compresi i premi di produzione e i bonus. E’ un dato importante soprattutto se rapportato all’inflazione. Quando l’indice sale oltre il previsto, la valuta, in questo caso il GBP, trae una spinta rialzista; quando l’indice delude la spinta è ribassista. Secondo gli analisti, dal terzo trimestre 2018 al terzo trimestre 2019 i salari medi sono aumentati del 3,8% (proprio come la rilevazione precedente).

Ore 10.30. Variazione nelle richiese dei sussidi di disoccupazione del Regno Unito. UK Claimant Count Change. Il dato segnala la variazione, espressa in termini assoluti, delle richieste di disoccupazione avanzate nel periodo di riferimento. Quando le richieste aumentano, la valuta trae una spinta ribassista. Quando le richieste diminuiscono la spinta è rialzista. Stando agli analisti, a ottobre hanno richiesto i sussidi di disoccupazione 24.200 persone circa (rilevazione precedente: 21.100).

Ore 10.30. Tasso di disoccupazione del Regno Unito. UK Unemployment Rate. Il tasso di disoccupazione è uno dei più importanti parametri del mercato del lavoro. Quando la disoccupazione aumenta, a valuta trae una spinta negativa; quando la disoccupazione diminuisce la valuta trae una spinta positiva. Nonostante le avvisaglie di crisi economiche, la disoccupazione britannica dovrebbe confermarsi al 3,9%.

Ore 11.0. Rilevazione ZEW del sentimento sull’economia della Germania. German ZEW Economic Sentiment. La rilevazione è condotta su 350 tra investitori istituzionali e analisti tedeschi, interrogati sulle prospettive dell’economia tedesca. La rilevazione è la base per il calcolo di un indice, il quale ha nello zero il valore soglia pessimismo-ottimismo. Indici in crescita generano spinte rialziste sulla valuta; indici in decrescita generano spinte ribassiste. Stando agli analisti, e in perfetta coerenza con le avvisaglie di recessione, l’indice dovrebbe confermarsi di nuovo in territorio negativo. Si stima però un -22,0 indice di tre punti superiore a quello rilevato precedentemente (-25,3).

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.