GBP, Calendario Economico del 17 ottobre 2019: focus su vendite UK

La giornata del 17 ottobre 2019 si preannuncia discretamente movimentata. Il calendario economico infatti segnala alcuni eventi in grado di impattare sul mercato. In particolare, la pubblicazione del dato sulle vendite UK, che genererà una certa influenza sul GBP (sterlina inglese). Ad ogni modo, ecco una lista con gli appuntamenti più importanti e le stime degli analisti.

Ore 02.30. Tasso di disoccupazione dell’Australia. Australia Unemployment Rate. Il tasso di disoccupazione è uno dei parametri più importanti del mercato del lavoro, uno dei pochi che consente di ricavare una panoramica dello stato dell’economia reale con un colpo d’occhio. Quanto il tasso sale, la valuta trae una spinta ribassista; quando il tasso scende, la valuta trae una spinta al ribasso. Nonostante l’Australia sia soffrendo delle tensioni economiche internazionali e del rallentamento della Cina, verso cui esporta materie prime, il tasso di disoccupazione dovrebbe rimanere fermo al 5,3%.

Ore 10.30. Vendite al dettaglio del Regno Unito. UK Retail Sales. Le vendite sono un market mover fondamentale dell’economia reale. Nello specifico, segnalano la variazione del valore dei beni venduti al dettaglio. Quando la variazione supera le aspettative, la valuta (in questo caso il GBP) trae una spinta rialzista; quando le aspettative vengono disattese o addirittura la variazione è negativa, la spinta è ribassista. Gli analisti prevedono in merito a settembre delle vendite al dettaglio al +0,1% (dato precedente: -0,2%).

Ore 14.30. Permessi di costruzione rilasciati negli Stati Uniti. US Building Permits. Il dato segnala il numero di permessi di costruzione rilasciati nel periodi di riferimento. E’ un market mover importante in quanto offre una panoramica della salute del settore edile, traino e termometro per l’economia nel suo complesso. Quando i permessi aumentano, la valuta trae una spinta rialzista; in caso contrario la spinta è ribassista. Secondo agli analisti, a settembre sono stati rilasciati 1,350 milioni di permessi (dato precedente: 1,425).

Ore 14.30. Indice di produzione della Fed di Filadelfia. Philly Fed Manufactoring Index. L’indice misura la produttiva del distretto di Filadelfia. E’ un dato locale, ma ha una valenza nazionale in virtù del suo carattere predittivo. Il valore che funge da spartiacque tra recessione e crescita è lo zero. Valori superiori al previsto imprimono una spinta rialzista alla valuta; valori deludenti imprimono una spinta ribassista. Secondo gli analisti, l’indice dovrebbe attestarsi in calo, all’8,0 (rilevazione precedente: 12,0), in linea con i timori circa la tenuta dell’economia americana.

Ore 15.15. Produzione industriale degli Stati Uniti. US Industrial Production. La produzione industriale è un market mover fondamentale dell’economia reale, che offre indizi circa lo stato di salute dell’industria. Quando la produzione cresce oltre le aspettative, la valuta subisce una spinta rialzista; quando la produzione delude o addirittura decresce, la spinta è ribassista. Secondo gli analisti, a settembre la produzione è diminuita dello 0,1%, in linea con i timori circa la fine del ciclo economico espansivo (dato precedente: +0,6%).

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.