Guadagnare con il trading: Dallo studio al profitto

Guadagnare con il tradingGuadagnare con il trading non è impossibile, richiede un lavoro preciso e mirato. Il problema e che pochi sono disposti a mettersi a lavorare seriamente e per un periodo prolungato. In questo articolo spiego tutto il lavoro necessario per passare dallo studio al profitto.

Tutti vogliono conoscere l’entità dei profitti altrui con la speranza di poter replicare qualcosa che funziona. Il problema però è il seguente, un trader profittevole è tale non grazie alla strategia di trading, ma grazie alla propria preparazione. Infatti 10 trader con lo stesso piano di trading produrranno sempre 10 risultati diversi, anche operando nello stesso periodo.

Questo perché il risultato di una gestione varia in larga parte in base al trader e non in base al piano. La strategia di trading indica una strada da percorrere e pone una serie di scelte. Pertanto il risultato della gestione varia in base alle scelte messe in atto dal trader.

In buona sostanza vedere i risultati di un trader serve soltanto a dimostrare che una determinata gestione è risultata profittevole, ma non dimostra l’efficacia universale di un piano di trading e neanche che altri soggetti saranno in grado di produrre gli stessi risultati, negativi o positivi che siano. Non dimostra neanche che il trader resterà profittevole per il futuro.  Quindi di seguito riporto i consigli che mi sento di condividere per indicare una strada costruttiva e realistica da poter seguire per generare gestioni profittevoli.

Guadagnare con il trading: Come ottenere un bilancio positivo

Il risultato di una gestione dipende dal trader e dalle indicazioni presenti nel piano. E’ necessario costruire un rapporto con il piano di trading, quindi il risultato di una gestione, matura in base a come il trader applica il piano. Solitamente la prima gestione di un piano, appena progettato, fa emergere difetti ed imperfezioni, che richiedono un intervento di ottimizzazione per risolvere i difetti applicativi del trader e i difetti progettuali del piano di trading. Quindi dopo una serie di ottimizzazioni è possibile produrre gestioni mature, in grado di realizzare profitti di anno in anno.

Guadagnare con il trading: Il livello qualitativo della gestione

Il risultato operativo mostra il livello qualitativo della gestione. Quindi gli errori e i difetti del piano, ma anche il numero di opportunità nel corso dell’anno, per ogni coppia e quindi è possibile determinare lo sforzo necessario per il raggiungimento di un obbiettivo di profitto.

Una gestione che richiede tante opportunità per la sua messa in opera, richiede anche tanto lavoro. Il business del trading non paga in base alla fatica, specie se inutilmente spesa. Paga in base al livello qualitativo della gestione. Si ottiene un livello qualitativo elevato con un minor numero di opportunità in modo da poter dedicare la massima attenzione alle singole fasi della gestione. Inoltre i piani di trading migliori, che generano i maggiori profitti, spesso sono proprio quelli che richiedono un minor numero di opportunità.

Una gestione con poche opportunità prevede 4-5 opportunità nel corso di 12 mesi, sulla singola coppia. Quando il piano lavora con oltre 15/20 opportunità nel corso dell’anno, solitamente richiede un ottimizzazione immediata, per migliorare la parte previsionale e selezionare le opportunità in modo più preciso.

Il livello qualitativo della gestione scende, se il numero di opportunità sale e questo si riflette subito in bilancio, poiché ogni opportunità espone un rischio. Il rischio viene calcolato in termini di capitale, ma l’effettiva esposizione dipende dagli errori e dalle condizioni di mercato avverse e questo espone ad un accumulo di spese maggiore. E’ necessario lavorare per trovare condizioni di mercato ottimali, seguendo la strada più breve, in modo da esporre il rischio meno volte possibile.

E’ necessario ottimizzare il piano per intercettare, con poche opportunità, quelle reazioni che sono in grado di produrre una tendenza sufficientemente ampia. E’ un lavoro previsionale che richiede una conoscenza approfondita circa il comportamento degli schemi di prezzo.

Guadagnare con il trading: Le ottimizzazioni necessarie per ottenere un asset finanziario

Per imparare l’applicazione di un piano di trading è necessario acquisire le competenze necessarie per la messa in opera di tutti i processi previsti. Ho riportato un esempio riguardante il piano base nel corso di trading gratuito che ho pubblicato nel blog alcuni mesi fa. E’ possibile in questo modo vedere la struttura di un piano di trading con i suoi processi. Ogni processo per la sua messa in opera richiede una competenza specifica.

Quindi prima di tutto è necessario acquisire le competenze per la messa in opera del piano di trading. Subito dopo è necessario imparare l’applicazione pratica e poi è necessario ottimizzare la gestione, affinché sia in grado di produrre un risultato con il minor sforzo possibile, in termini di lavoro ed in termini di rischio, per mantenere alto il livello qualitativo.

Progettare un piano di trading adatto alle proprie esigenze

Inoltre il piano di trading dovrebbe essere vicino alle esigenze del trader. Per questa ragione non è possibile imparare l’applicazione di piani altrui, ma è necessario definire piani di trading propri, magari prendendo spunto dal lavoro di altri. In buona sostanza la strada migliorare è quella più lunga in termini di lavoro, ma produce risultati duraturi e affidabili.

Per come vedo il business del trading, vale la pena di spendere il maggior lavoro in termini di fatica ed in termini di tempo, per pianificare la strategia di trading nei minimi dettagli. In questo modo è possibile facilitare e ridurre gli interventi per la messa in opera delle gestioni. Si lavora maggiormente in fase di pianificazione e meno durante la fase operativa, poiché il piano è più preciso.

Chi lavora 12 ore al giorno davanti al monitor, di fatto lavora per il trading e non sta facendo business. Mentre trovo sicuramente più costruttivo investire tempo e denaro per pianificare una gestione e poi dedicare il giusto tempo per ogni gestione. Il giusto tempo per me sono dalle 3 alle 10 opportunità di trading per ogni gestione e per ogni coppia, ogni anno. In questo modo la messa in opera della gestione impegna maggiormente solo in determinati giorni e lo sforzo è limitato a pochi e precisi interventi. Così è il trading a lavorare per noi.

Produrre una prima gestione da ottimizzare

Dopo aver pianificato nei minimi dettagli la gestione, quindi il piano di trading, è necessario acquisire i primi dati operativi, almeno per come lavoro io e per come ho imparato. I dati operativi sono il risultato di una prima gestione. Questo primo lavoro che solitamente richiede 12 mesi, fa emergere i difetti del piano e i difetti applicativi del trader. Pertanto la prima gestione di un nuovo piano non mira al profitto, ma a far emergere i difetti per apportare miglioramenti alla gestione. In questo modo si ottiene una gestione matura che poi funziona di anno in anno.

Questo lavoro richiede tempo e dedizione. Si lavora per far maturare diverse gestioni insieme, che poi un pò per volta giungono a maturazione. Alcune vengono scartate perché infruttuose e talvolta emergono gestioni estremamente efficienti. E’ un lavoro impegnativo, ma che tuttavia può essere velocizzato grazie alle moderne tecnologie.

Come velocizzare l’apprendimento tramite l’uso del forex tester

Forex Tester è un software che ho conosciuto anni fa, grazie ad uno dei miei studenti del progetto Forex Trading University. Si tratta di un formidabile strumento di lavoro che consente di caricare un periodo passato e farlo scorrere con una velocità variabile, per produrre una gestione o per fare semplicemente esercizio pratico. L’efficacia dello strumento varia in base al tipo di utilizzo. Spiego sempre che è necessario impegnarsi per produrre una simulazione obbiettiva.

Il novizio di turno solitamente mi segnala sempre che “…è facile se conosci cosa farà il mercato..”. A questo punto devono spiegare che non ha importanza se ricordo la direzione del mercato, poiché l’applicazione di un piano di trading viene fatta seguendo delle regole ben precise, pertanto la messa in opera di una gestione deve trovare dei riscontri. Il software di simulato se usato correttamente consente di velocizzare moltissimo la propria formazione e consente di preparare una nuova gestione in tempi più brevi. Nel video mostro il software e spiego come lo utilizzo.

Guadagnare con il trading: Qualche altro consiglio attraverso il video

Autore

Sono un imprenditore. Mi occupo principalmente di trading e attraverso questo blog condivido i miei studi, le mie tecniche e le riflessioni sul business del trading. Lavoro principalmente usando una metodologia, che chiamo Analisi Strategica, che include componenti di analisi tecnica, teoria di Andrews e teoria di Elliott. Nel 1999 ho iniziato a studiare il business del trading e ad appassionarmi alla materia. Poi nel 2009 ho avviato il business vero e proprio, nel mercato dei cambi.
1 Response
  1. Roberto De Putti

    Grazie a Stefano ho capito che prima di imparare a guadagnare bisogna imparare a perdere ! Sembra un paradosso, ma è la pura verità. Tutti agli inizi vogliamo guadagnare, tanto e in fretta….. Fosse facile !!! Il trading adesso mi è chiaro, non mi faccio illusioni, studio i grafici, cerco opportunità, opero. Ma la cosa più importante, la più importante in assoluto è lo stop loss… L’ unica certezza del trader ! Solo cercando di perdere poco si può riuscire a guadagnare, bisogna saper perdere… come dice la canzone !! Grazie Stefano per avermela cantata e fatta imparare, tempo fa. E’ stato il miglior insegnamento che ho ricevuto !!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.