Metodi di trading verticali Teoria di Alan Andrews

Il trading con la Forca di Andrews, secondo metodo per sfruttare il ritorno alla mediana

Utilizzo un altro metodo basato sulla Forca di Andrews che sfrutta il ritorno verso la mediana. Alan Andrews ci ha insegnato che il prezzo ritorna l’80% delle volte verso la linea mediana. Io aggiungo che tale condizione si verifica se posiziono la forca in un contesto di trend, durante una fase correttiva (primo metodo) e durante lo sviluppo del segmento di trend (secondo metodo). Pertanto utilizzo la forca per misurare il livello delle prese di profitto, durante una fase di contro trend, utilizzando il primo metodo per anticipare lo sviluppo di nuove tendenze, che prevede un collasso prima della mediana. Mentre invece adesso ci concentreremo sul ritorno verso la mediana, per misurare l’ampiezza e la durata del segmento di trend in corso (secondo metodo). Anche in questo caso la Forca di Andrews ci fornisce ottimi punti di riferimento per operare.

forca di andrewsPrendendo come riferimento lo stesso esempio su EurUsd riportato nel precedente articolo, è possibile riscontrare l’uso di due Forche. Una in blu per il primo metodo. Una in Rosso per questo secondo metodo. E’ necessario distinguere i contesti perché il mercato configura comportamenti differenti, durare lo sviluppo delle diverse condizioni.

Durante una fase correttiva, di una fase di trend più ampia, si sviluppano solitamente prese di profitto ridotte e pertanto è facile trovare un collasso prima della mediana e quindi un inversione di tendenza (forca blu, primo metodo). Mentre in trend è facile lavorare ad un ritorno verso la mediana, poiché si svilupperà molto probabilmente un segmento di trend, che spesso ritesta la mediana (forca rossa, secondo metodo). Allineare il contesto con il metodo, aiuta a metterci prima di tutto sul binario giusto, per lavorare con un obbiettivo e punti di riferimento ben precisi.

In questo esempio vediamo il punto “a” che indica il preavviso di acquisto, mentre il punto “b” indica la conferma di acquisto. I punti sono gli stessi del primo metodo, ma in questo caso è possibile utilizzare il punto “c”, la mediana, come target. Inoltre il mercato dopo aver collassato sulla mediana, tende poi a ritestare la linea di intervento, fornendo una nuova conferma di acquisto “d”.

Questo secondo metodo prevede l’utilizzo di due forche opposte. Ma c’è anche un terzo metodo per il ritorno verso la mediana, che non prevede un preavviso di acquisto o vendita, ma solo più conferme di acquisto, in più punti. Pubblicherò qualcosa anche su questo. Come ho ricordato precedentemente non si tratta di tecniche complicate, è solo necessario un pò di studio ed un pò di pratica. Superata una prima fase di preparazione, sarà poi necessario un pò di lavoro per la definizione un piano di trading, con al centro questi metodi. In questo modo diventa possibile misurare l’efficacia delle tecniche su un piano operativo.

Stefano Mastria

Sono un imprenditore. Mi occupo principalmente di trading e attraverso questo blog condivido i miei studi, le mie tecniche e le riflessioni sul business del trading. Lavoro principalmente usando una metodologia, che chiamo Analisi Strategica, che include componenti di analisi tecnica, teoria di Andrews e teoria di Elliott. Nel 1999 ho iniziato a studiare il business del trading e ad appassionarmi alla materia. Poi nel 2009 ho avviato il business vero e proprio, nel mercato dei cambi.

Aggiungi un commento

Scrivi un commento