Calendario economico forex

IRR, Calendario Economico del 6 giugno 2018: focus su tassi iraniani

La giornata del 6 giugno 2018 si preannuncia molto importante per l’IRR (Ryial Iraniano). Il calendario economico, infatti, riporta la decisione sul tasso di interesse della Central Bank of Iran. Si segnalano eventi di un certo peso anche per il dollaro australiano e per il dollaro canadese. Di seguito, una lista degli appuntamenti maggiori e le stime degli analisti.

Ore 03.30. Prodotto Interno Lordo dell’Australia. Austalian GDP. Il PIL è un parametro fondamentale per valutare lo stato di salute di una economia, forse il più importanti. Se il PIL cresce oltre le aspettative, allora la valuta tende ad apprezzarsi. Se il PIL non cresce abbastanza o addirittura decresce, allora la valuta tende a deprezzarsi. Il PIL dell’Australia si dovrebbe confermare piuttosto solido. Gli analisti prevedono un aumento dello 0,4% per il primo trimestre (l’economia era cresciuta dello 0,4% nel quarto trimestre del 2017).

Ore 11.00. Decisione sul tasso di interesse della banca centrale iraniana. Central Bank of Iran Rate Statement. La decisione sul tasso di interesse è un market mover importante, anzi il più importante. Essa infatti impatta sulla massa monetaria e quindi sui rapporti tra le valute. Se il tasso sale, la valuta si apprezza. Se il tasso scende, la valuta si deprezza. La banca centrale iraniana dovrebbe confermare i tassi al 4,00%, un livello molto alto ma necessario alla luce dell’inflazione ancora molto alta.

Ore 14.30. Saldo della Bilancia commerciale del Canada. Canada Trade Balance. La bilancia commerciale è molto importante in quanto la differenza tra il valore dei beni esportati e il valore dei beni importati influenza la massa monetaria e quindi il rapporto tra le valute. Se il surplus aumenta o il deficit diminuisce, la valuta si apprezza. Se il surplus diminuisce o il deficit aumenta, la valuta si deprezza. Buone notizie per il Canada: la bilancia dovrebbe essere migliorata ad aprile, ed essere passata da un deficit di 4,14 miliardi a un deficit di 2,24 miliardi.

Ore 16.00. Indice Ivey dei direttori agli acquisti del Canada. Ivey PMI. L’istituto Ivey elabora un PMI composito, che riguarda tutti i settori dell’economia. Come da tradizione, rileva il grado di attività dei direttori agli acquisti, ponendo come valore soglia tra contrazione ed espansione il 50. L’indice ad aprile aveva restituito un ottimo 71,5. Su maggio gli analisti non si sono ancora espressi.