Analisi tecnica di base

Le 4 componenti da studiare per comprendere un grafico a barre

Un grafico a barre indica il comportamento del mercato e dei suoi partecipanti e attraverso lo studio di determinate componenti è possibile fare chiarezza sullo scenario corrente. Attraverso lo studio di 4 componenti specifiche è possibile comprendere un grafico a barre per determinare il comportamento della liquidità:

  1. Codice delle barre di prezzo
  2. Il trend e le sue componenti
  3. Livelli di prezzo recenti, di confine e storici
  4. Schemi di prezzo

Il codice delle barre di prezzo è una componente fondamentale per comprendere i grafici a barre. Ogni singola barra indica il comportamento della liquidità in un determinato periodo di tempo. Le barre giornaliere indicano il comportamento della liquidità durante le 24h, mentre le barre settimanali indicano il comportamento nell’arco della settimana e così via. Più è ampio il periodo di tempo analizzato, più il dato è rilevante.

Invece lo studio del trend e le sue componenti serve per comprendere il comportamento abituale di una tendenza e le sue fasi chiave. La differenza tra una tendenza primaria e una secondaria. La differenza tra segmento di trend e una correzione. Il rapporto tra liquidità a supporto e prese di profitto.

I livelli di prezzo invece indicano gli ostacoli che il mercato incontra. Conoscere questi punti è molto importante poiché ci consente di determinare i punti oltre il quale gli istituzionali proveranno a trovare liquidità a supporto per lo sviluppo di una tendenza. Quindi dove il prezzo si fermerà e dove invece ripartirà.

Infine gli schemi di prezzo indicano comportamenti complessi delle barre di prezzo. Quindi insiemi di barre che indicano comportamenti specifici. Questi comportamenti costituiscono azioni in grado di produrre reazioni note. Pertanto è di vitale importanza studiare le azioni della liquidità presente a mercato per sfruttarne il margine di prevedibilità che ne deriva. L’uso combinato di queste componenti la chiamo analisi strategica.

Vediamo nello specifico le barre più significative di un grafico a barre

Ho diviso le barre di prezzo in 7 tipologie, che ritengo più importanti: Barre di trend, barre di collasso senza direzionalità, barre di collasso con direzionalità, barre laterali (inside), barre composte, barre outside, barre madre.

Per la definizione delle barre preferisco usare questo schema rispetto a quello tradizionale, lo trovo più semplice e più diretto. Per una corretta interpretazione delle barre di prezzo consiglio un broker con un fuso orario europeo, quindi con la mezzanotte italiana o londinese, per avere la chiusura della barra giornaliera in prossimità della chiusura della borsa di New York. Questa cosa è utile per leggere all’interno delle 24 ore il comportamento della liquidità europea e poi americana, in un’unica barra. Poniamo il caso di un broker americano o australiano, con i loro fusi orari rischieremo di leggere il comportamento europeo su una barra e quello americano su un’altra. Sarebbe scomodo e controproducente.

Il mercato del forex è aperto 24 su 24, ma è anche vero che i maggiori movimenti avvengono durante l’apertura e la chiusura dei mercati europei e americani, quindi leggere tutto quello che è avvenuto in un’unica barra è certamente importante. Attraverso le barre leggiamo il comportamento della liquidità. Quando questo comportamento è chiaro è possibile comprendere il disegno che c’è dietro una tendenza e lavorare di conseguenza.

Barre di trend

barre di trendLe barre di trend sono certamente le barre più importanti, anche perché sono le barre che ci consentono di realizzare un profitto. Il loro comportamento è molto semplice e si ripete di continuo.

Una barra di trend supera solo il massimo, in un trend rialzista, della barra precedente e ritraccia entro 1/3 o al massimo entro il 50% della barra di trend precedente e poi chiude in prossimità del suo massimo raggiunto (esempio di un trend rialzista). Se una barra ritraccia oltre il 50% della barra di trend precedente, difficilmente diventerà una barra di trend.

Questa dinamica risulta particolarmente efficace sul time frame giornaliero e settimanale. Nei time frame intraday possono capitare false rottura oltre il 50% della barra precedente prima di tornare in trend.

Le barre di trend nascondono al loro interno dei pattern o delle zone di congestione, che possono essere studiate sui time frame inferiori. Vedremo più avanti i pattern di prezzo principali e la loro importanza. Oltre il massimo o il minimo delle barre di trend cerchiamo sempre liquidità a supporto poiché spesso si formano altre barre di trend.

barre composte

Cercare liquidità a supporto significa osservare il comportamento del prezzo oltre il massimo o il minimo precedente, poiché in quei punti si decide la continuazione della tendenza o meno.

Barre composte

Le barre composte si prendono maggiormente in considerazione sui time frame alti, e indicano un comportamento misto. Una parte della barra indica un trend ed un’altra parte indica un collasso. Solitamente nel time frame inferiore è possibile distinguere i due comportamenti.

barre outside

Barre outside

Le barre outside sono quelle barre che superano sia massimo che minimo della barra precedente. Sono barre che indicano una fase di incertezza del mercato, spesso si verificano a causa delle notizie. L’uscita di una notizia nel mercato del forex può sviluppare reazioni veloci e difficili da sfruttare. Il comportamento della outside bar non fornisce solitamente un indizio utile per operare.

Quando lavoriamo con gli stop sui massimi o minimi osserviamo il comportamento del mercato per evitare il più possibile le ouside bar, poiché sono le uniche barre in grado di farci accumulare una spesa piena.Le outside bar sono piuttosto rare sui time frame giornaliero e settimanale, mentre sono più frequenti nei time frame intraday.

inside barBarre laterali o inside bar

Le barre laterali, dette anche inside bar, sono barre che vivono all’interno di un range specifico e circoscritto. Spesso si trova una barra madre con un range più ampio e poi una serie di barre laterali.

Indicano una fase di attesa del mercato, dove non ci sono tendenze. E’ molto importante tenere sotto controllo i livelli massimi e minimi del gruppo di barre per conoscere il punto di rottura che potrebbe portare alla formazione di una barra di trend.

Negli esempi le barre madre sono indicare in verde, mentre le inside bar in rosso. Il massimo e minimo della barra madre diventa il punto di riferimento percercare liquidità a supporto.

barre di collasso senza direzionalita

Barre di collasso senza direzionalità

La barre di collasso senza direzionalità indicano il fallimento del prezzo nel superare un ostacolo.

Questo tipo di collasso non indica una reazione al collasso, quindi non ci fornisce nessun margine di prevedibilità. E’ una barra che non ci fornisce alcun dato sulla potenziale reazione futura. Il collasso può confermare anche l’importanza di un livello o confermare una falsa rottura oltre il range di un gruppo di barre.

La chiusura spesso è vicina all’apertura con ombre evidenti in entrambe le direzioni. Comunque per esprimere un collasso la barra deve superare con le ombre il massimo o minimo di una barra precedente o un gruppo di barre precedenti.Nelle immagini riporto due esempi di barre di collasso senza direzionalità, che indicano il collasso nel superamento di un minimo e poi di un massimo.

Barre di collasso con direzionalità

barre di collasso

Invece le barre di collasso con direzionalità indicano sempre il fallimento nel superamento di un livello, ma indicano anche una direzionalità precisa. Dopo il collasso indicano una potenziale inversione. Quindi queste barre ci forniscono indicazioni precise su quello che potrà verificarsi nel futuro.

Sono un’ottimo elemento da prendere in considerazione quando si verificano oltre il range di una barra significativa, per esempio al termine di una fase di contro trend, oppure oltre un gruppo di 7barre, indicando quindi una falsa rottura.

Per filtrare correttamente le barre di collasso con direzionalità è necessario osservare la posizione del prezzo di chiusura rispetto all’apertura. Se una barra di collasso che si trova al termine di un segmento di trend rialzista, ha la chiusura sotto l’apertura e un ombra significativa oltre il massimo della barra precedente, allora indica una direzionalità. Nei due esempi riportati abbiamo due barre di collasso con direzionalità che collassano sui massimi e poi chiudono sotto l’apertura. Successivamente la tendenza produce una continuazione del trend ribassista.

Stefano Mastria

Sono un imprenditore. Mi occupo principalmente di trading e attraverso questo blog condivido i miei studi, le mie tecniche e le riflessioni sul business del trading. Lavoro principalmente usando una metodologia, che chiamo Analisi Strategica, che include componenti di analisi tecnica, teoria di Andrews e teoria di Elliott. Nel 1999 ho iniziato a studiare il business del trading e ad appassionarmi alla materia. Poi nel 2009 ho avviato il business vero e proprio, nel mercato dei cambi.

2 Commenti

Scrivi un commento