Canale Telegram Blog per Studenti e Neofiti Blog per Trader (a breve) Inizia la prova gratuita di 30 giorni >> ForexTradingUniversity.org
Canale Telegram Blog per Studenti e Neofiti Blog per Trader (a breve) Inizia la prova gratuita di 30 giorni >> ForexTradingUniversity.org

Metodi di trading per creare un piano di trading

Metodi di trading per creare un piano di tradingI metodi di trading racchiudono un insieme di tecniche concepite per lavorare in sinergia, per risolvere problematiche di natura previsionale o gestionale. Abbiamo a disposizione moltissime tecniche e idee per sviluppare nuove tecniche, ma la parte complessa del lavoro sta nel creare un processo semplice, in grado di conseguire un risultato nel corso del tempo.

Ho progettato per esempio metodi di trading per determinare la direzione della tendenza primaria in modi diversi, con tecniche diverse. Ogni metodo rileva la tendenza primaria, utilizzando punti di riferimento diversi. Alcuni metodi risultano più precisi e altri più flessibili, pur fornendo la risposta previsionale richiesta dal metodo.

Poi ho messo a punto anche metodi gestionali per garantire spese limitate o per ridurre il rischio per dare tempo e spazio al mercato. Non esiste il metodo migliore, ma piuttosto si tratta di strumenti da utilizzare in sinergia fra loro, per misurarne l’efficacia nell’ambito di un piano di trading.

Corso di trading, i processi di un pianoUn piano di trading richiede la messa in opera di 6 processi, ogni processo corrisponde ad un metodo di trading. 3 processi sono previsionali e 3 sono gestionali. I primi 3 metodi previsionali devono rispettivamente fornire queste risposte: La direzione della tendenza primaria, un contesto strategico con una prospettiva, un contesto operativo compatibile con il contesto strategico, per trovare poche ed ottime opportunità di trading nel corso dell’anno, all’interno del quale mettere in opera la gestione.

Voglio spiegare perché specifico “poche” opportunità. Il profitto di una gestione non dipende dal numero delle opportunità di trading, ma dalla loro qualità e dalla gestione che viene messa in opera dopo. Spesso gli asset che producono i maggiori profitti sono quelli che lavorano con meno opportunità, mentre gli asset che producono più spese e problematiche sono quelli che lavorano con meno opportunità. In questo settore la qualità fa una grande differenza e si deve mai tentare di vincere usando la forza o il rischio, ma piuttosto la precisione e l’ingegno.

Ricorda che quando si fa trading, si compete con alcune fra le menti più raffinate del pianeta. Ci sono large trader, con stanze piene di trader capacissimi, in grado di svolgere un lavoro molto preciso e anche ben finanziato. Come possiamo pensare di vincere usando la forza? (tante operazioni e tanto rischio). Possiamo vincere sfruttando determinati elementi che sono a favore del trader privato.

Il trader privato è piccolo e invisibile. Può sfruttare il lavoro dei large trader, senza arrecare disturbo (anche se opera con capitali consistenti, 2-5 milioni per esempio). Può farlo con un rischio basso e in pochi momenti nel corso dell’anno, quando emergono condizioni migliori e più favorevoli. Possiamo pianificare metodi di trading e strategie molto precise grazie a tutto il materiale che oggi con le moderne tecnologie abbiamo a disposizione.

Metodi di trading: Prima troviamo le tecniche e poi le integriamo

I libri di trading sono ricchi di tecniche di trading efficacissime. E’ necessario studiarle e integrarle nel nostro trading. Niente è già pronto per il nostro trading. Nessun libro che non sia stato scritto da noi, può illustrarci il nostro personale business del trading e per generare risultati ognuno deve dedicarsi a personalizzare il business, utilizzando solo alcuni punti fermi indispensabili.

I punti fermi sono i seguenti: Rischio basso, poche opportunità e variazioni di mercato ampie. Poi sono necessari dei metodi di trading in grado di creare una sinergia fra le tecniche, poi è necessario creare strategie di trading per misurare la qualità degli asset. Chi si illude di giungere ai risultati senza lavorare, entra subito a far parte del 95% dei novizi che perde denaro, mentre chi studia e pianifica accuratamente entra a far parte della ristretta nicchia che si impegna a lavorare in questo settore, senza cercare soldi facili. La questione dei risultati e questa.

Metodi di trading previsionali

I processi previsionali di un piano di trading devono indicare prima di tutto la direzione del mercato, quindi della tendenza primaria, poiché questa indica la direzione delle maggior parte della liquidità e pertanto dei large trader. I metodi di trading forniscono questa risposta, non necessariamente in solo modo, poiché non conoscere in anticipo i risultati di una gestione.

Pertanto progettiamo 2/3 metodi di trading per rilevare la direzione della tendenza primaria, con un approccio più  flessibile o più preciso, facendo il possibile per generare un metodo facile da mettere in opera. Se il metodo è troppo complesso non va bene. La semplicità aiuta a mantenere il rischio basso, mentre la complessità fa crescere il rischio.

Non esiste un metodo migliore rispetto ad altro, poiché la risposta la riceviamo quando mettiamo in opera la strategia e questa restituisce i risultati. A questo punto è possibile conoscere il livello qualitativo della gestione che la sinergia fra tecniche e metodi ha prodotto. E’ possibile velocizzare moltissimo questo lavoro grazie alle simulazioni.

Nel piano base che regalo in PDF a chi iscrive alla newsletter è incluso un metodo di trading per rilevare la direzione primaria molto semplice. Il metodo più semplice che ho concepito per svolgere questa attività. Nell’ambito del piano base è la soluzione migliore, poiché è semplice da applicare e genera risultati. Per esempio nel piano Orione che utilizziamo nel corso ADV1 della community Fx University è previsto un metodo più preciso, che usa la Teoria di Dow. Nell’ambito del piano Orione è la scelta migliore, una scelta non ottimale per il piano base. Spiego alla lavagna il metodo ADV1 utilizzato nel piano Orione in questo articolo che segnalo attraverso il link.

Metodi di trading gestionali

Attraverso i metodi di trading gestionali risolviamo problematiche di altra natura. Dopo aver selezionato le condizioni di mercato, lavoriamo per separare le opportunità infruttuose, da quelle con un potenziale. Non esiste un solo modo per farlo, nè esiste il metodo migliore, pertanto anche in questo caso vengono creati dei metodi per rispondere a delle esigenze, per poi misurarne l’efficacia nell’ambito di un piano di trading.

Ho pubblicato nel blog un video dove mi sono dedicato a spiegare il metodo ADV1 che usiamo per generare piccole spese con le opportunità infruttuose. Questo metodo di trading consente di bloccare le opportunità che non presentano più un potenziale. In questo modo è possibile generare piccole spese sempre, quando il mercato non presenta le condizioni previste nel piano di trading.

Un bravo trader è molto capace nella gestione del rischio. Spiego sempre agli studenti della community che prima di produrre profitti, devono preoccuparsi di produrre piccole spese. Quando diventano capaci di generare piccole spese, in ogni condizione di mercato, sono pronti per generare profitti.

Autore

Mi occupo di trading di lungo termine (trend following) e attraverso questo blog condivido materiale utile per gli studenti della community Forex Trading University / Over Traders. Spiego il business del trading, concepito per sfruttare ampie variazioni di mercato e poi condivido tecniche, metodi e strategie di trading per consentire a tutti gli avventori di avvicinarsi alla nostra community. Attualmente la community conta circa 800 membri fra studenti e trader.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.