Calendario economico forex

NZD, Calendario Economico dell’8 novembre 2017: focus su tassi RBNZ

Giornata movimentata, quella dell’8 novembre 2017, ma solo per l’NZD (dollaro della Nuova Zelanda). Il calendario economico, infatti, segnala la decisione dei tassi di interesse da parte della Reserve Bank of New Zealand. Si segnalano anche un paio di eventi in grado di muovere il mercato. Ecco, come di consueto, una panoramica degli appuntamenti in programma e le stime degli analisti.

Da fissare. Saldo della bilancia commerciale cinese. China Trade Balance. La bilancia commerciale è un parametro di fondamentale importanza in quanto, incidendo sulla massa monetaria, influenza grandemente il valore delle monete. Maggiore è il surplus, maggiore è la spinta rialzista che la valuta trae. La Cina confermerà ancora una volta la sua vocazione esportatrice. Il surplus di ottobre dovrebbe essere pari a 39,50 miliardi di dollari USA (a settembre era di 28,61 miliardi).

Ore 16.30. Scorte di petrolio greggio negli Stati Uniti. US Crude Oil Inventories. Il mercato chiede una riduzione dell’offerta, in modo da favorire un aumento dei prezzi. Gli Stati Uniti stanno facendo la loro parte, tagliando le scorte. Per questa settimane, il taglio dovrebbe essere pari a 2,8 milioni di barili (la scorsa settimana era stato di 2,43 milioni).

Ore 21.00. Decisione dei tassi di interesse della Reserve Bank of New Zealand. RBNZ Rate Statement. I tassi di interesso incidono sul valore delle monete in quanto manipolano direttamente la massa monetaria. In genere, quando i tassi vengono alzati, la valuta, in questo caso l’NZD (dollaro neozelandese) ne trae una spunta rialzista. In caso contrario, la spinta è ribassista. Gli analisti per domani prevedono una conferma dei tassi all’1,75% che appare ancora oggi, a crisi più o meno conclusa ovunque, come un ottimo punto di equilibrio tra le politiche espansive dell’Europa e il percorso di stretta monetaria di Stati Uniti e Canada.