Le opzioni binarie mietono ancora tante vittime. Ricevo ancora tante storie tragiche, ogni settimana. Ieri mi ha scritto un utente, caduto vittima sempre della stessa truffa, leggi il commento. L’ho pregato di scrivere la storia nel blog in modo da poterne parlare. Lo schema è sempre lo stesso, prima chiedono un piccolo versamento e fanno vedere piccoli guadagni, poi dicono che per fare sul serio è necessario mettere più soldi “altrimenti non si è competitivi”. In questo modo le persone, se ci credono, versano ulteriori soldi pensando di poter ripetere la stessa cosa fatta con pochi soldi. In questo post ho riportato un pezzo del film The Wolf of Wall Street, si vede esattamente il dietro le quinte.

Purtroppo si tratta di truffe belle e buone a danno degli ingenui. Il truffatore ha chiaramente la responsabilità, ma anche il truffato non scherza. Ripeto sempre questa cosa, “Se un ladro bussa alla tua porta e ti promette grandi ricchezze, chiedendo in cambio 50 mila euro. Se tu glieli dai, sei complice del ladro, oltre che un folle!”.

Mi domando come sia possibile questo. Se poi consiglio un libro di 150€, qualcuno mi fa anche l’osservazione che il libro costa troppo! Magari lo stesso soggetto che poco prima ha bruciato decine di migliaia di euro.

Va chiarito questo aspetto: Le opzioni binarie sono un pessimo strumento finanziario, tuttavia esistono broker seri che offrono le opzioni binarie.  Quindi chi vuole utilizzarle dovrebbe almeno rivolgersi ad uno di loro. Non faccio nomi, anche perché in nessun modo intendo spingere gli utenti verso il trading binario.

Se uniamo opzioni binarie e broker truffaldino, magari in un paese del cazzo (Cipro, Gibilterra, Panama, etc), allora viene raggiunto l’apice della follia. Ho spiegato più volte che le opzioni binarie sono facilmente manipolabili dai broker disonesti e poi consentono guadagni limitati. Significa che non è possibile guadagnare più delle perdite.

Diventa infatti un gioco a perdere, dove tutto il potere viene dato al broker. Si tratta veramente di una diavoleria, perché neanche per caso il cliente può guadagnare. Nel trading reale con un colpo di fortuna è possibile guadagnare molto, con il trading binario invece no. Giustamente per evitare che il cliente possa guadagnare, anche con un colpo di fortuna, sono state limitate a monte!

Quando scrivo questi post o faccio dei video sull’argomento, ricevo decine di insulti (fortunatamente c’è un filtro automatico), probabilmente proprio da parte di chi è interessato a promuovere le opzioni binarie. Qualcuno obbietta sul fatto che non sia possibile guadagnare, allora per capire meglio ho indagato.

Ho chiesto ad alcuni di questi utenti di raccontarmi, attraverso la chat di facebook, la loro esperienza con le opzioni binarie. Sostengono violentemente che mi sbaglio, allora voglio capire! Bene su 5 persone che ho contattato ho potuto constatare che per loro “guadagnare” significava arrotondare poche decine di euro, non decine di migliaia, ma proprio decine. Insomma in totale uno di loro aveva guadagnato ben 80 euro in quella settimana!!

Quando ho chiesto agli utenti quanto avevano rischiato per guadagnare le poche decine di euro, le risposte sono state evasive, non lo sapevano. Faticosamente ho spiegato che se rischi 100euro per guadagnare 80euro, non è un buon investimento, a meno che non si perda mai. Se perdo, cosa naturale, ho bisogno di recuperare le perdite, vediamo un esempio di operatività con le opzioni binarie:

  • Prima operazione, rischio 100 euro e perdo 100 euro.
  • Seconda operazione, rischio 100 euro e perdo 100 euro.
  • Terza operazione, rischio 100 euro e guadagno 80 euro (nella migliore delle ipotesi).

In questo modo il bilancio è in perdita, siamo sotto di 120 euro. Abbiamo avuto solo due perdite eppure con le opzioni binarie non siamo in grado di recuperare le spese. Inoltre con il trading normalmente è possibile tagliare le spese, con le opzioni binarie non è possibile. Con il trading è possibile guadagnare sul breve e lungo termine, nessuno stabilisce a priori i nostri guadagni massimi. E’ proprio il principio fondante del trading, che ha fatto arricchire tanti trader nel corso della storia.

Vediamo un esempio di operatività con il trading normale:

  • Prima operazione, rischio 100 euro e perdo 30 euro, perché possiamo tagliare le perdite se le condizioni non sono più favorevoli.
  • Seconda operazione, rischio 100 euro e perdo 40 euro.
  • Terza operazione, rischio 100 euro e guadagno una parte sul breve periodo 60 euro e 300 euro sul lungo periodo.

Ecco questo è trading. Rischio 100 euro e posso guadagnare 360 euro, meno 70 euro di spese. Il profitto totale è pari a 290 euro. Questa è la vera essenza del trading, rischio a fronte di un forte guadagno. Con le opzioni binarie il guadagno è ridicolmente basso.

Inoltre un altro punto a sfavore del trading binario è il tempo. Il broker su time frame intraday decide se io ho guadagnato o meno!! I neofiti non sanno che il forex è un mercato NON regolamentato, pertanto sui time frame intraday, su broker diversi è possibile trovare grafici MOLTO diversi. Significa che il vostro broker disonesto con i grafici può fare quello che vuole.

Pertanto con il trading binario il vostro broker decide che guadagnerete sempre meno del rischio. Poi ha il controllo sui grafici e sul tempo. Adesso ditemi onestamente se adesso è chiaro che le opzioni binarie sono un pessimo affare. Sono veramente uno strumento degno della Banda Bassotti!

Il mio nome è Stefano Mastria e sono un imprenditore. Mi occupo principalmente di trading sul forex. Attraverso questo blog condivido i miei studi, le mie tecniche e le mie riflessioni sul business del trading. Lavoro principalmente usando una metodologia, che io chiamo Analisi Strategica, che include componenti di analisi tecnica, teoria di Andrews e teoria di Elliott. Nel 1999 ho iniziato a studiare il business del trading e ad appassionarmi alla materia. Poi nel 2009 ho avviato il business vero e proprio, nel mercato dei cambi.

Post a comment