Canale Telegram Blog per Studenti e Neofiti Blog per Trader (a breve) Inizia la prova gratuita di 30 giorni >> ForexTradingUniversity.org
Canale Telegram Blog per Studenti e Neofiti Blog per Trader (a breve) Inizia la prova gratuita di 30 giorni >> ForexTradingUniversity.org

Psicologia nel trading, i mercati finanziari non sono casuali

Psicologia nel trading mercati finanziariDa un punto di vista psicologico è importante sapere come stanno le cose. Molti novizi all’inizio puntano tutto sulle proprie capacità previsionali, ignorando totalmente quelle gestionali. Pensano di poter realizzare profitti giornalieri, avendo sempre ragione. In realtà il trading non funziona così. Un errore gravissimo che ho commesso anche io all’inizio. Inoltre non si rendono conto che i mercati finanziari non hanno un andamento casuale, e che non è possibile anticipare con successo un trend tutte le volte.

Spiego sempre nella community che la strada per giungere ad un profitto è delineata dalle spese. Quindi non c’è bisogno di predire il futuro, ma piuttosto è necessario gestire le spese e lasciarsi guidare dalla gestione. La gestione prevede sia un lavoro previsionale, sia un lavoro gestionale.

Larry Williams nota libroAnche Larry Williams ha trattato l’argomento dei mercati finanziari e del comportamento che li caratterizza, nel suo libro “I segreti del trading di breve termine” a pagina 30 (riporto in questo articolo un breve stralcio di quello che scrive). Spiega che un comportamento casuale presenta il 50% di possibilità di avere ragione, mentre i mercati finanziari non si comportano in questo modo.

Ogni mercato ha una propria caratteristica (che varia nel tempo), per esempio EurUsd presenta in alcuni momenti quasi il 60% di possibilità di avere una giornata a rialzo, dopo una giornata negativa (secondo i dati che riporta nel libro). Se aggiungiamo a questo, anche quello che spiega Joe Ross (quando parla della TTE), circa il comportamento dei large trader, il quadro diventa abbastanza chiaro. Si capisce in questo modo con cosa abbiamo a che fare, e come è necessario comportarsi per trarre un risultato dal trading.

Psicologia nel trading, i mercati non sono casuali

Per entrare nel vivo di questo tema è necessaria una spiegazione del comportamento dei large trader e come questi soggetti influenzano i mercati finanziari, in diversi momenti nel corso dell’anno. Inoltre sempre di seguito spiegherò come tutto questo costituisce un vantaggio per noi piccoli trader privati. Cito i libri, perché sono il punto di partenza per le mie elaborazioni.

Il nostro lavoro previsionale si basa sullo studio delle ricorrenze a basso rischio, come ho già spiegato negli articoli precedenti, ma anche sullo studio dei large trader. Questo perché spostano la maggior parte della liquidità presente a mercato, e di fatto controllano i mercati. In determinati momenti è possibile leggere le azioni di questi soggetti, per capire quando concentrano la liquidità in una direzione. Pertanto nel corso degli anni ho messo a punto delle tecniche, per capire quando si configurano, per supportare lo sviluppo di una tendenza.

Ho scritto nel 2015 un articolo che si chiama “Come nascono le tendenze all’interno del quale ho spiegato come si comportano i large trader, per ricercare la liquidità a supporto, e come leggere gli indizi. In pratica oltre un livello chiave è possibile capire, in base al comportamento delle singole barre, se i large trader riescono a trovare un supporto, da parte di altri large trader o meno. Quando questo supporto di liquidità viene confermato, il giorno dopo o la settimana dopo, in base al time frame, è possibile avere una serie di barre di trend, da sfruttare per realizzare un profitto.

Grazie a questo esempio si capisce subito che i mercati finanziari, hanno poco di casuale o almeno si comportano in modo caotico e casuale, solo quando i large trader tengono il mercato fermo all’interno di precisi limiti. Infatti dentro le congestioni il comportamento è effettivamente caotico e casuale, ma solo perché i large trader non sono interessati alle variazioni di breve termine. Ne consegue, che i trend costruiti costituiscono uno strumento a favore dei piccoli trader, ma chiaramente è necessaria una competenza specifica per leggere le mosse dei large trader. Quì nel blog è presente diverso materiale per studiate questo tema.

Tale evidenza mostra le criticità di un approccio basato solo ed unicamente su un orizzonte di breve termine. Poiché le informazioni per costruire un asset, si trovano nei time frame strategici (giornaliero, settimanale, mensile, trimestrale, annuale). Mentre nei time frame intraday regna il caos, proprio perché la maggior parte delle variazioni è casuale o comunque caotica.

Psicologia nel trading, i vantaggi per i piccoli trader come noi

I piccoli trader come noi, per migliorare il proprio trading devono studiare il comportamento dei large trader, partendo dalla tendenza primaria, che si rileva sul time frame mensile, fino a giungere al time frame giornaliero. Anche le decisioni di un asset di breve termine, devono partire dal contesto strategico, in modo da sfruttare un margine previsionale affidabile e avere dalla propria parte, una % di successo maggiore.

Le percentuali di successo in ogni mercato possono essere migliorate nettamente grazie a questo tipo di approccio, tuttavia sappiamo che il lavoro non finisce quì. La selezione previsionale consente di trovare opportunità di ottima qualità ogni anno, ma poi è necessario completare il lavoro con le competenze gestionali. Così è possibile selezionare al meglio le condizioni di mercato e poi separare le opportunità infruttuose, da quelle con un potenziale per garantire alla gestione spese limitate e profitti sufficientemente ampi.

Autore

Mi occupo di trading di lungo termine (trend following) e attraverso questo blog condivido materiale utile per gli studenti della community Forex Trading University / Over Traders. Spiego il business del trading, concepito per sfruttare ampie variazioni di mercato e poi condivido tecniche, metodi e strategie di trading per consentire a tutti gli avventori di avvicinarsi alla nostra community. Attualmente la community conta circa 800 membri fra studenti e trader.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.