Regole naturali dei mercati finanziari Webinars Fx University

Regole naturali dei mercati finanziari: Massimi e minini di breve, medio e lungo termine

Vediamo come si rilevano i massimi e minimi di breve, medio e lungo termine sui mercati finanziari. Per anticipare lo sviluppo delle prossime tendenze.

Regole naturali dei mercati finanziari, massimi e minimiQuesto argomento fa parte delle regole naturali del mercato perché costituisce un tassello importante, delle basi necessarie, per la comprensione dei mercati finanziari e delle loro dinamiche.

Le regole naturali del mercato sono un insieme regole definite da me, pertanto non se ne troverai traccia nei libri di analisi tecnica. L’intento è quello di spiegare i comportamenti che i mercati finanziari assumono come base naturale.

Vediamo allora come rilevare i massimi e minimi di breve termine come punto di partenza. Questo dato si rileva attraverso il time frame giornaliero. Tale time frame è la base di partenza per capire i comportamenti dei mercati finanziari. Poi vedremo anche i comportamenti sui time frame settimanali, mensili e trimestrali per rilevare i massimi e minimi di medio e lungo termine.

Nell’immagine è possibile vedere in questo esempio giornaliero i massimi e minimi di breve termine rilevati in base al comportamento del trend. I punti (a) e (b) sono i primi massimi e minimi di breve termine. Rilevarli serve per anticipare lo sviluppo di una prossima tendenza, pertanto da un punto di vista strategico è molto importante. Solitamente in un trend rialzista etichettiamo un massimo di breve termine dal collasso in trend e poi iniziamo a misurare l’ampiezza delle prese di profitto. (Vedi anche: La struttura delle tendenze)

Per ottenere un minimo di breve termine, in grado di produrre una continuazione del trend, misuriamo la fase correttiva. Facciamo questo lavoro perché un mercato in trend configura sempre prese di profitto entro il 33%, rispetto al segmento di trend precedente. Il mercato al massimo arriverà sul confine del 50%. Mentre quando le prese di profitto superano il 50%, solitamente non si configura più una continuazione del trend. Partiamo dal presupposto che ci servono massimi e minimi di breve termine, ma con un potenziale da sfruttare.

Proseguendo etichettiamo altri massimi e minimi di breve termine con (d) e (e). Misuriamo le prese di profitto e poi etichettiamo con (1) e (2) i primi massimi e minimi di medio termine (settimanale). Si configura pertanto una fase correttiva più ampia, che solitamente si configura tra una barra settimanale ed un altra. In questo modo si chiude un ciclo settimanale a fine settimanale e ad inizio settimana sarà possibile anticipare lo sviluppo di un nuovo ciclo, in grado di produrre altri massimi e minimi di breve termine (giornaliero) e altri massimi e minimi settimanali di medio termine.

La stessa cosa si applica tra il time frame mensile e quello settimanale. Il ciclo più ampio sviluppa una tendenza, che al suo interno, sui time frame inferiori, configurerà cicli più stretti. Tutto questo produce i massimi e minimi di breve, medio e lungo termine e ci fornisce un margine di prevedibilità da gestire.

E’ possibile poi fare un altro passo avanti, poiché studiando gli schemi di prezzo, che solitamente si formano tra un massimo ed un minimo è possibile rilevare molte altre informazioni, circa il comportamento dei mercati finanziari. Lavoro principalmente con il mercato del forex e porto avanti dei progetti sugli indici, ma tali indicazioni restano valide per tutti i mercati finanziari. Chiaramente non si tratta di indicazioni per operare, ma per interpretare condizioni di mercato.

Stefano Mastria

Sono un imprenditore. Mi occupo principalmente di trading e attraverso questo blog condivido i miei studi, le mie tecniche e le riflessioni sul business del trading. Lavoro principalmente usando una metodologia, che chiamo Analisi Strategica, che include componenti di analisi tecnica, teoria di Andrews e teoria di Elliott. Nel 1999 ho iniziato a studiare il business del trading e ad appassionarmi alla materia. Poi nel 2009 ho avviato il business vero e proprio, nel mercato dei cambi.

Aggiungi un commento

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.