Strategie di trading

Strategia forex: In che modo orientarsi

Una strategia forex di lungo termine basa la propria operatività su poche operazioni e ha l’obbiettivo di sfruttare ampie variazioni di mercato. Questo tipo di tecnica, nel mondo del trading, si chiama Trend Following. In pratica si studiano le tendenze primarie e si lavora per seguirle.

Il Trading di lungo periodo

Il bello di questo tipo di tecnica e che richiede poco tempo e consente di concentrare il lavoro solo in determinati periodi dell’anno. Si lavora con poche operazioni solo quando le tendenze formano contesti di continuazione. Fino a quando il mercato è laterale si devono gestire le spese, per mantenerle in pareggio, sfruttando il trading di breve periodo. Quando invece si sviluppano le tendenze primarie, si iniziano ad accumulare i profitti.

Ma come per ogni tecnica ci sono pro e contro: lo svantaggio maggiore si presenta se il trader non è disciplinato e quindi soffre l’attesa di condizioni ottimali. Questo perché spesso, l’attesa per raggiungere un risultato soddisfacente, è lunga.

Tuttavia a mio avviso i vantaggi superano gli svantaggi: il trend following se fatto bene consente profitti elevati, ma non immediatamente. Bisogna applicare una fitta gestione delle spese per mantenere il conto in pareggio, fino allo sviluppo delle tendenze.

Una strategia forex intraday in questo caso si applica per pareggiare le spese, non per fare profitto.

Quindi il trend following può essere un’ottima strategia forex, ma non dovrebbe essere l’unica tecnica a disposizione. E’ una strategia che può portare sul lungo periodo ottimi risultati, ma richiede tempo. E’ preferibile costruire più metodi da affiancare, anche per migliorare il lavoro sul lungo periodo.

Per esempio utilizzare un approccio misto può portare risultati anche sul breve periodo. Inoltre spesso dalle opportunità di breve periodo restano operazioni residue di lungo periodo, con una buona posizione strategica. Quindi il trading di lungo termine è una grande opzione, che alla fine porta i maggiori profitti, ma talvolta le operazioni migliori partono da setup intraday o di medio periodo.

Nel trading di lungo termine è importante la posizione strategica, quindi questa può essere ottenuta maggiormente con un ventaglio di operazioni diverse. Anche svolgere solo attività intraday, può risultare troppo riduttivo. Operare solo su brevi variazioni di mercato è certamente controproducente, perché non c’è lo spazio per pagare le spese e fare una differenza.

Una strategia forex mista (breve, medio e lungo periodo) consente un profitto elevato anche con 7 loss su 10, mentre una strategia forex basata solo su opportunità di breve periodo può chiudere in perdita anche con 1 solo loss su 10, ammesso che sia possibile fare profitto 9 volte su 10. E con profitto non intendo un take a profit a 5 pips.

Trading di breve periodo (Intraday)

Il trading di breve periodo, meglio definito con il termine Intraday, è un trading basato su brevi variazioni di mercato, pertanto per fare profitto è necessario esporre un rischio maggiore. Il trading di breve periodo richiede grande esperienza, più del trading di lungo termine. Questo perché le dinamiche di mercato intraday sono più complesse e imprevedibili. Inoltre la gestione delle spese deve essere seguita molto da vicino. Solitamente chi fa trading intraday è costretto a seguire i monitor per buona parte della propria giornata.

I vantaggi del trading di breve periodo tra profitti veri e miti da sfatare

Il vantaggio principale del trading intraday e che può portare, anche se solo in determinati periodi, un profitto veloce ed elevato nel corso della giornata. Sfortunatamente i segnali di ottima qualità non sono all’ordine del giorno.

Uno dei miti da sfatare e che con il trading sul forex è possibile fare intraday su supporti e resistenze, come se questo bastasse per avere un’operatività profittevole nel tempo. Alcune pubblicità ingannevoli usano anche i termini, compra alto e vendi basso, con grafici accattivanti che ritraggono il trading come una cosa semplice e meccanica. Questa non è la verità.

La verità che il trading intraday è complesso, e richiede grande esperienza. Nel forex è anche più complesso rispetto ad altri mercati, poiché il mercato é impreciso per natura. I grafici intraday H4/H1 fino al M5 e così via, possono cambiare da broker a broker. Su un broker un prezzo può essere 10 pip più elevato rispetto ad un altro, e così via. Questo perché non è un mercato regolamentato.

A questo punto la domanda che solitamente ricevo durante i webinar è questa: “Allora è possibile fare trading intraday nel forex?“. Sì assolutamente. Io ho costruito la mia strategia forex per il trading intraday che opera solo su time frame giornaliero, H4 e H1. Non su time frame minori, visto che sono più complessi ed imprevedibili. Ho dovuto inoltre studiare parecchio per imparare a selezionare le opportunità, che non si presentano tutti i giorni e non tutte le volte sono profittevoli.

Quindi se scegli di studiare il trading intraday, sappi che per quello che riguarda la mia esperienza non dovrebbe essere l’unica tecnica a disposizione. Una porta aperta verso il trading di lungo termine mi ha sempre dato maggiori soddisfazioni, talvolta con meno lavoro e meno rischio.

Tuttavia esistono esperti che fanno solo trading di breve termine o brevissimo termine (scalping). In questo caso si tratta però di esperti che hanno maturato nel tempo, una grande esperienza con questo tipo di tecniche.

Stefano Mastria

Sono un imprenditore. Mi occupo principalmente di trading e attraverso questo blog condivido i miei studi, le mie tecniche e le riflessioni sul business del trading. Lavoro principalmente usando una metodologia, che chiamo Analisi Strategica, che include componenti di analisi tecnica, teoria di Andrews e teoria di Elliott. Nel 1999 ho iniziato a studiare il business del trading e ad appassionarmi alla materia. Poi nel 2009 ho avviato il business vero e proprio, nel mercato dei cambi.

Aggiungi un commento

Scrivi un commento