Canale Telegram Blog per Studenti e Neofiti Blog per Trader (a breve) Inizia la prova gratuita di 30 giorni >> ForexTradingUniversity.org
Canale Telegram Blog per Studenti e Neofiti Blog per Trader (a breve) Inizia la prova gratuita di 30 giorni >> ForexTradingUniversity.org

Swing Trading: Una strategia di trading per muovere i primi passi

Swing TradingLo swing trading viene utilizzato in tutti i mercati ed in modi essenzialmente diversi, pertanto si tratta di una definizione sommaria che richiede una specifica. In questo articolo spiego come ho appreso lo swing trading e come l’ho utilizzato per imparare ad operare. I libri che ho utilizzato per studiare questa materia sono TNT4 di Joe Ross e un libro di Dave Landry che si chiama appunto Swing Trading.

Partendo dallo swing trading classico, ho messo a punto una strategia di trading “grezza” che mi è stata utile per iniziare ad operare. Tale lavoro ha portato successivamente allo studio degli schemi di prezzo, poiché mi hanno consentito di affinare la strategia di trading.

Vediamo come funziona lo Swing Trading

Swing Trading alla lavagnaMiriamo prima di tutto ad intercettare lo sviluppo di una nuova tendenza settimanale. Il mercato del forex passa continuamente da una fase di congestione ad una fase di trend. E’ necessario pertanto individuare la presenza di liquidità a supporto su time frame settimanale. Per fare questo tracciamo i livelli di confine della congestione in corso.

Il contesto settimanale necessario per filtrare il primo swing

Aspettiamo la chiusura della barra settimanale, oltre il livello di confine. Tale evento conferma la presenza di liquidità a supporto e fornisce il primo swing giornaliero sul quale è possibile lavorare. Nell’immagine è possibile vedere 3 barre di trend settimanali con dei numeri. 1,2,3 indicano l’anzianità del segmento di trend. Sappiamo che la maggior parte dei segmenti di trend non superano le 3 barre, pertanto lo swing trading verrà messo in opera tra la prima e la seconda barra, e poi tra la seconda e la terza barra. Dopo la terza barra di trend restiamo in attesa della fine del ciclo. Inoltre se la prima barra risulterà con un range troppo ampio, valuteremo un lavoro solo tra la prima e la seconda barra. Il ciclo delle variazioni di range insegna che un mercato che parte con range ampi, produce range stretti subito dopo, pertanto tale contesto non offre una prospettiva.

Il primo swing giornaliero

Swing trading alla lavagna 2Una volta ottenuto il primo swing, lo analizziamo per decidere come trattarlo. Due sono le possibilità a disposizione: Il mercato può presentare uno swing di oltre 5 barre settimanali, con un collasso in trend e uno swing di meno di 5 barre senza un collasso in trend. La presenza o meno del collasso in trend indica se il mercato è pronto per produrre una tendenza velocemente, oppure no.

Nell’immagine si vedono due tendenze giornaliere. Gli swing si formano tra la fine della settimana e l’inizio della nuova settimana. Quindi tra la fine di una barra di trend e l’inizio della prossima. Il primo esempio indica uno schema con più di 5 barre giornaliere. Il primo schema ha un collasso in trend, mentre il secondo due. Basta vedere i collassi oltre il livello di confine blu.

Vediamo poi il terzo swing della prima tendenza (sinistra) e il secondo swing della seconda tendenza (destra) che non presentano un collasso in trend e si configurano con meno di 5 barre giornaliere. Tale contesto anticipa una ripresa veloce del trend. In base alla posizione strategica ed in base alla formazione si opera in maniera diversa, per sfruttare la reale prospettiva e i diversi punti di riferimento dal quale è possibile partire con un setup.

Garantiamo piccole spese alla gestione

Durante il workshop Forex Trading University spiegherò nello specifico la strategia. Vedremo i setup e le tecniche necessarie, poi faremo anche backtest. Sicuramente però lo scopo di ogni gestione è quello di individuare un contesto previsionale poco rischioso e ripetitivo (vedi le ricorrenze a basso rischio) e garantire piccole spese alla gestione. Se siamo in grado di fare questo, siamo vicini all’obbiettivo finale, ovvero realizzare profitti stabili su base annua. Per garantire piccole spese alla gestione utilizzeremo il metodo gestionale che ho pubblicato nel blog qualche tempo fa. Ho spiegato alla lavagna come lavoriamo per garantire spese limitate, con opportunità infruttuose.

Il backtest verrà svolto con 2 obbiettivi

Durante il workshop raccoglieremo dei dati. Tali dati indicheranno il livello qualitativo della gestione. Profitto, esposizione massima, numero di opportunità, sono tutti indicatori utili per capire come funziona la gestione. In questo modo emergono i margini di miglioramento, per ridurre le spese e massimizzare i profitti.

Con  la strategia di swing trading è utile fare backtest con un obbiettivo di medio e lungo termine, ma anche con un obbiettivo di breve e medio termine. In questo modo rileviamo vantaggi e limiti della gestione. Se il backtest di medio e lungo termine produce maggiori profitti, significa che un obbiettivo di breve e medio termine lascia troppo profitto sul tavolo. Mentre se l’obbiettivo di breve e medio fornisce i maggiori profitti, significa che non è possibile generare un profitto maggiore.

Ogni asset che progettiamo ha sempre dei vantaggi e dei limiti. Prima di partire a mercato reale è necessario evidenziali. In questo modo sappiamo cosa è possibile fare, realmente. Questa informazione ci viene data dal mercato, grazie ad un uso corretto dei backtest.

Partecipa al prossimo workshop per approfondire

Per approfondire questo tema puoi partecipare alle attività Forex Trading University. In particolare al workshop in programma, dedicato allo swing trading. I nuovi studenti della community possono sfruttare i 30 giorni gratuiti per iniziare a studiare il business del trading.

Autore

Mi occupo di trading di lungo termine (trend following) e attraverso questo blog condivido materiale utile per gli studenti della community Forex Trading University / Over Traders. Spiego il business del trading, concepito per sfruttare ampie variazioni di mercato e poi condivido tecniche, metodi e strategie di trading per consentire a tutti gli avventori di avvicinarsi alla nostra community. Attualmente la community conta circa 800 membri fra studenti e trader.
2 Risposte
  1. Lucia D'Atria

    Buonasera Stefano, sono una studente della Forex Trading University. Come posso partecipare a questa iniziativa? Mi arriva un link di partecipazione alla video lezione? Grazie per l attenzione

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.