Il trader è come un cecchino, deve fare un lavoro di precisione. Aspettare le condizioni ottimali e poi concentrare la propria attenzione e le proprie risorse per operare. Questo è certamente l’aspetto più difficile, poiché la maggior parte della persone ha uno scarso controllo di se stesso.

Aspettare giorni o settimane condizioni ottimali richiede competenza e disciplina. Io personalmente su questo aspetto ho avuto meno difficoltà, perché sono paziente per natura e non vado mai di fetta. (Non vado mai di fretta adesso, semplicemente perchè in passato, diversi anni fa, avevo fretta di fare soldi, avevo fretta di leggere un libro, avevo fretta di realizzare un progetto, avevo una fretta ingiustificata per ogni cosa. Questo pessimo approccio alla vita, mi ha quasi ucciso.) Con il trading ho avuto più problemi sul lato tecnico che su quello psicologico. Ma gli studi su come approcciarmi al trading sono stati determinanti per avere un aspettativa realistica e prendere un ritmo ben preciso.

Il libro di Joe Ross, Trading come Business, mi ha aiutato molto su questo aspetto. Anche i libri di Van Tharp sono stati di grande utilità per comprendere l’approccio al business.

Di recente ho ascoltato anche un video di Alfio Bardolla, dove diceva che il trading è 90% psicologia e 10% di tecnica. Con questa sua affermazione sono assolutamente d’accordo. Alfio è un ottimo imprenditore italiano che si occupa anche di trading. Anni fa ho partecipato anche ai suoi corsi. Inoltre molti altri grandi trader, anche del passato, confermano che l’aspetto psicologico ricopre una grande ruolo.

Pertanto ho strutturato la mia attività in modo da riuscire a concentrare l’attenzione solo in determinati giorni. Per fare questo ho messo a punto l’analisi strategica (puoi scaricare l’ebook sull’analisi strategica gratuitamente in basso). E’ un tipo di analisi che si fa sui time frame alti, annuale, trimestrale, mensile, settimanale e infine giornaliero. Questo tipo di analisi ha lo scopo di individuare la settimana migliore e la giornata migliore per operare. Anche se devo lavorare con opportunità intraday su H1, tanto per fare un esempio, attento che il contesto generale sui time frame alti, sia allineato.

Perché faccio questo? Perché i time frame alti indicano fasi di azione del mercato e anticipano lo sviluppo di segmenti di trend. Basta imparare a leggere questi dettagli. Chiaramente non si tratta di una scienza esatta, il trader deve sapere che quando il mercato rispetta gli scenari ipotizzati, allora è in grado di fare profitto, altrimenti deve essere in grado di garantire piccole spese al proprio conto.

Questo aspetto psicologico è fondamentale. Nessuno sul mercato ha sempre ragione, né guadagna sempre. Studiando le condizioni di mercato siamo in grado di rilevare comportamenti e ipotizzare fasi di reazione. Se gli scenari ipotizzati si manifestato, tutto ok, altrimenti in tutti gli altri casi dobbiamo essere in grado di garantire spese basse, molto basse.

Spesso infatti ricordo che l’aspetto più importante sul lato tecnico, è la gestione delle spese. Una volta imparato l’approccio corretto è necessario imparare a gestire le spese. E’ una strada obbligata per arrivare ai profitti.

A presto

Post a comment