USD, Calendario Economico del 1° Novembre 2019: focus su buste paga americane

La giornata del 1° novembre 2019 si preannuncia movimentata. Il calendario economico suggerisce molti eventi capaci di influenzare il mercato. Tra questi, la pubblicazione del NonFarm Payrolls americani, che impatteranno sull’USD e non solo. Di seguito, la lista degli eventi più importanti e le stime degli analisti.

Ore 08.30. Indice dei prezzi al consumo della Svizzera. Swiss CPI. L’inflazione è il market mover più importante dopo le decisioni di politica monetarie, anche perché le influenza. Quando i prezzi si avvicinano al 2% annuo, la valuta trae una spinta rialzista. Quando si allontana da questo obiettivo, la spinta è ribassista. Secondo gli analisti, l’inflazione svizzera è aumentata di solo lo 0,1% a ottobre (dato precedente: -0,1%).

Ore 10.30. Indice dei direttori degli acquisti del settore manifatturiero nel Regno Unito. UK Manufactoring PMI. L’indice, frutto di un sondaggio sui responsabili aziendali, riporta il grado di attività delle aziende del manifatturiero. Il valore che distingue tra contrazione e crescita è il 50. Quando l’indice supera le aspettative, la valuta trae una spinta rialzista. Quando l’indice delude, la spinta è ribassista. Stando agli analisti, l’indice di ottobre si attesterà intorno a 48,1, in calo sul precedente (48,3).

Ore 13.30. Buste paga del settore non agricolo negli Stati Uniti. US Nornfarm Payrolls. Questo market mover, presente solo negli Stati Uniti, segnala la variazione del numero delle buste paga in tutti i settori eccetto quello agricolo. Quando la variazione supera le aspettative, la valuta – in questo caso l’USD – subisce una spinta rialzista; quando la variazione delude, la spinta è ribassista. Secondo gli analisti, le buste paga non agricolo sono aumentate di 90mila unità a ottobre (dato precedente 136mila), dunque alimenterà le voci circa la fine del ciclo economico espansivo, come sta facendo buona parte degli indicatori economici statunitensi.

Ore 13.30. Tasso di disoccupazione degli Stati Uniti. US Unemployment Rate. Il tasso di disoccupazione è il market mover più importante, tra quelli relativi al mondo del lavoro. Quando il tasso di disoccupazione aumenta, la valuta trae una spinta ribassista; quando il tasso diminuisce, la spinta è rialzista. Secondo gli analisti, il tasso dovrebbe passare da 3,5% a 3,6%. Anche questo dato alimenterà le voci circa una intensificazione del rallentamento economico.

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.