USD, Calendario Economico del 13 e 16 dicembre 2019: focus su vendite americane

Le giornata del 13 e del 16 dicembre 2019 si preannunciano poco movimentate. Il calendario economica non segnala infatti molti eventi in grado di impattare sul mercato. Segnala però la pubblicazione del dato sulle vendite americane, che avrà un certo impatto sull’USD. Di seguito, una lista con gli appuntamenti più importanti e le stime degli analisti.

Venerdì 13 dicembre 2019

Ore 00.50. Indice Tankan dei grandi produttori manifatturieri (Giappone). Tankan Manufacturing Index. L’indice misura il grado di attività delle grandi aziende manifatturiere, attraverso un sondaggio condotti sui responsabili. Il valore che funge da spartiacque tra contrazione e crescita è lo zero. Valori superiori alle aspettative generano spinte al rialzo sulla valuta; valori deludenti generano spinte al ribasso. In relazione al quarto trimestre, l’indice è dato al ribasso. Dovrebbe passare infatti da 5 a 2.

Ore 05.30. Produzione industriale del Giappone. Japan Industrial Production. La produzione industriale è un parametro importante in quanto sintetizza la forza economica di un paese e la sua capacità di far fronte alle sue esigenze di occupazione. Una variazione positiva genera un impatto rialzista sulla valuta di riferimento, in questo caso l’euro. Una variazione negativa genera un impatto ribassista. Nonostante alcuni tiepidi segnali di accelerazione siano stati registrati nei mesi precedenti, la produzione industriale a ottobre dovrebbe essere diminuita del 4,2%. Un dato, questo, pessimo e in linea con quello del mese scorso.

Ore 14.30. Vendite al dettaglio degli Stati Uniti. US Retail Sales. Le vendite rappresentano un parametro importante perché fotografano lo stato di salute dell’economia e perché anticipano l’inflazione, che a sua volta orienta direttamente le politiche monetarie. Se le vendite sono in aumento o superano le aspettative, la valuta di riferimento tende ad apprezzarsi. Se le vendite sono in decremento o deludono le aspettative la valuta tende a deprezzarsi. Negli Stati Uniti sono molto intensi i timori per la fine del ciclo economico espansivo. Alcuni indicatori, però, offrono qualche spiraglio di speranza. Tra questi proprio quello delle vendite, che dovrebbero essere aumentate dello 0,5% a novembre (dato precedente: +0,3%).

Lunedì 16 dicembre 2019

00.30. Produzione industriale della Cina. China Industrial Production. La Cina negli ultimi anni, pur mantenendo un livello di prestazioni fuori scala rispetto alle economie occidentali, sta rallentando. Ad ogni modo, gli analisti stimano che la produzione industriale sua aumentata del 5,0% negli ultimi mesi, una performance migliore a quella registrata nel periodo ancora precedente (4,7%).

Ore 09.30. Indice dei direttori degli acquisti del settore manifatturiero della Germania. German Manufacturing PMI. L’indice riflette il grado di attività dei responsabili degli acquisti delle aziende manifatturiere. Il valore che funge da spartiacque tra contrazione ed espansione è il 50. Le l’indice aumenta, e lo fa oltre il previsto, la valuta trae una spinta rialzista. Se l’indice diminuisce, e lo fa anche in questo caso oltre il previsto, la valuta trae una spinta ribassista. L’indice tedesco dovrebbe diminuire, e passare dal già pessimo 44,1 al 42,9.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.