USD, Calendario Economico del 30 Ottobre 2019: focus su tassi Fed

La giornata del 30 ottobre 2019 si preannuncia molto turbolenta. Come segnala il calendario economico, sono infatti numerosi gli eventi che impatteranno sul mercato. In particolare la decisione dei tassi di interesse Fed, che inciderà sull’USD e non solo. Ad ogni modo, ecco una lista con agli appuntamenti più importanti e le opinioni degli analisti.

Ore 01.30. Indice dei prezzi al consumo dell’Australia. Australia CPI. L’inflazione è il market mover più importante per i trader, secondo solo alla decisione dei tassi di interesse, che peraltro influenza. Quando l’inflazione si avvicina al 2% annuo la valuta trae una spinta rialzista. Quando l’inflazione si allontana da questo target, la spinta è ribassista. Secondo gli analisti, durante il terzo trimestre i prezzi sono aumenti dello 0,5% (dato precedente: 0,6%).

Ore 09.55. Tasso di disoccupazione della Germania. German Unemployment Rate. Il tasso di disoccupazione è il market mover più importante del mondo del lavoro. Quando il tasso aumenta, la valuta trae una spinta ribassista; quando il tasso diminuisce, la valuta trae una spinta rialzista. Stando agli analisti, il tasso di disoccupazione si confermerà al 5,0%.

Ore 13.15. Variazione dell’occupazione non agricola degli Stati Uniti. US ADP. Questo market mover, presente solo negli Stati Uniti, segnala il numero dei nuovi occupati in tutti i settori eccetto quello agricolo. Quando la variazione supera le aspettative, la valuta trae una spinta rialzista. Quando la variazione delude, la spinta è ribassista. Secondo gli analisti, gli occupati non agricoli americani sono aumentati di 120mila unità a ottobre (dato precedente: 135mila).

Ore 13.30. Prodotto Interno Lordo degli Stati Uniti. US GDP. Il PIL è il market mover più importante dell’economia reale, anche perché riassume la situazione economica di un paese. Quando il PIL cresce più del previsto, la valuta (in questo caso l’USD), trae una spinta rialzista. Quando il PIL delude o addirittura decresce, la spinta è ribassista. Dal terzo trimestre 2018 al terzo trimestre 2019, il PIL dovrebbe essere aumentato dell’1,7% (dato precedente 2,0%).

Ore 15.00. Decisione dei tassi di interesse della Bank of Canada. BoC Rate Statement. La decisione del tasso di interesse è il market mover più importante, anche perché impatta in maniera quasi diretta sui rapporti tra le valute. Quando i tassi vengono alzati, la valuta tende ad apprezzarsi; quando i tassi vengono abbassati, la valuta tende a deprezzarsi. Stando agli analisti, i tassi dovrebbero essere confermati all’1,75%.

Ore 19.00. Decisione dei tassi di interesse della Federal Reserve. Fed Rate Statement. La Federal Reserve ha di recente invertito la propria politica monetaria, fino a qualche mese fa impostata su binari restrittivi. Anche a causa di questo cambiamento, ma soprattutto delle prestazioni dell’economia americana e delle tensioni internazionali, la Fed dovrebbe abbassare i tassi dal 2% all’1,75%. Un taglio che potrebbe essere giudicato troppo tenue da alcuni, in primis dagli esponenti dell’amministrazione Trump.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.